BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MOTOGP/ Gran Premio Indianapolis 2012: bollettino medico e reazioni dei piloti dopo le cadute nelle qualifiche

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Nicky Hayden, 31, protagonista di un brutto incidente nelle qualifiche a Indianapolis (INFOPHOTO)  Nicky Hayden, 31, protagonista di un brutto incidente nelle qualifiche a Indianapolis (INFOPHOTO)

MOTOGP, GRAN PREMIO DI INDIANAPOLIS: QUANTI INFORTUNI NELLE QUALIFICHE! - Le qualifiche del gran premio di Indianapolis sono state condizionate da una sequenza di incidenti che hanno messo a repentaglio la sicurezza di diversi piloti. Già nella giornata di venerdì erano arrivati dei "segnali premonitori", con la caduta di Hector Barbera poi finito in ospedale. Lo spagnolo era appena rientrato dopo una doppia frattura alla gamba destra e ora dovrà star fermo altre tre settimane. Gli accertamenti medici hanno comunque escluso complicazioni gravi per Barbera, che a Indianapolis sarà sostituito dalla riserva Toni Elias. "Sono davvero moto affranto -ha dichiarato lo spagnolo-. Ho avuto molta paura per il forte dolore alla schiena che sentivo dopo la caduta: è stato un flashback di Montegi 2008, quando mi sono fratturato tre vertebre e ho dovuto stare fermo per quattro mesi. Per fortuna questa volta il danno è minore: dovrò riposarmi molto, ma a Misano (gara in programma il 16 settembre, ndr) voglio esserci!". Il tranquillo week-end di paura è proseguito ieri con la prima caduta di Casey Stoner, che sino all'incidente aveva fatto registrare il miglior tempo di qualifica girando in 1'39''465 (varrà solo il sesto posto alla fine delle prove). L'australiano è caduto all'altezza della curva numero 13, lesionandosi i legamenti della caviglia destra (fortunatamente escluse fratture all'arto) e portato fuori pista in barella. La sua presenza all'odierno gran premio di Indianapolis è in dubbio. Chi non dovrebbe correre questa sera è invece Nicky Hayden, protagonista di un incidente più grave. A circa otto minuti dalla fine delle qualifiche il pilota della Ducati ha perso il controllo della moto, volando a bordo pista e battendo la testa sull'asfalto. Grande paura per Hayden che è rimasto privo di coscienza per qualche secondo prima dei rapidi soccorsi, salvo poi riprendersi al centro medico dove è stato portato in barella. A completare il quadro il volo di Ben Spies, anch'egli volato alla curva numero 13, già fatale per Stoner. Per fortuna l'incidente non ha avuto ripercussioni gravi per il pilota statunitense, che si è rialzato sulle proprie gambe confermando la seconda fila nella griglia di partenza del gran premio di Indianapolis. Sugli incidenti delle qualifiche sono intervenuti i piloti "sopravvissuti", come Dani Pedrosa che ha conquistato la sua terza pole position: "La sessione di prove...



  PAG. SUCC. >