BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Moto Gp

Diretta / MotoGp griglia di partenza: Valentino Rossi sogna la prima vittoria stagionale (GP Francia 2017)

Diretta MotoGp qualifiche, griglia di partenza, FP3 e FP4 live del GP Francia Le Mans 2017: cronaca e tempi delle sessioni per la pole position (oggi sabato 20 maggio)

Diretta MotoGp, info streaming video e tv: pole position e griglia di partenza - LaPresseDiretta MotoGp, info streaming video e tv: pole position e griglia di partenza - LaPresse

Si stanno esaurendo gli aggettivi per Valentino Rossi. Definire incredibile il secondo posto sulla griglia di partenza del Gran Premio di Francia è riduttivo... Domani comunque il pilota della Yamaha andrà a caccia del primo successo della stagione. Resta forse un po' di rammarico per la mancata pole position, che è sembrata alla sua portata, ma il Dottore ha trovato Jack Miller nell'ultimo tratto del suo giro buono. In ogni caso ha disputato la miglior qualifica della stagione, visto che nelle precedenti aveva sempre fatto fatica. Finalmente non deve inventarsi una rimonta dalle retrovie, ma potrà lottare ad armi pari con gli altri contendenti del Mondiale da leader della classifica generale. C'è un primo posto da difendere e potrà farlo con una moto che ha mostrato un passo gara interessante. Insomma, ci sono tutti gli ingredienti per sognare la prima vittoria della stagione di Valentino Rossi. (agg. di Silvana Palazzo)

Va a Maverick Vinales la pole position del Gran Premio di Francia 2017 di MotoGP. Il pilota spagnolo della Yamaha ha chiuso le qualifiche sul circuito di Le Mans con il tempo di 1:31.994, mettendosi alle spalle sulla griglia di partenza il compagno di scuderia, Valentino Rossi. E proprio il Dottore è stato sfortunato protagonista della parte finale del Q2 quando, impegnato nel tentativo di scavalcare proprio Vinales, ha trovato Jack Miller a fargli da tappo, con quest'ultimo che sentendo la pressione dell'italiano è poi finito per terra. Alle spalle del duo Yamaha, in terza posizione, grande prestazione del francese Zarco, evidentemente esaltato dalla possibilità di poter correre sul circuito "di casa". Quarta posizione per Cal Crutchlow, in testa per larghi tratti della seconda sessione di qualifiche, mentre non è stata esente da sbavature la ricerca del miglior tempo di Marc Marquez, con lo spagnolo che ha terminato in quinta posizione dopo essere scivolato ad inizio sessione. Seconda fila per Andrea Dovizioso su Ducati (6°), completano la top ten nell'ordine Redding, Espargaro e Abraham. (agg. di Dario D'Angelo)

Un Q1 entusiasmante è quello andato in scena sul circuito di Le Mans, valido per il Gran Premio di Francia 2017 della MotoGP che tra poco assegnerà la pole position. Prima sessione di qualifiche che vedeva in pista diversi big rimasti fuori sorprendentemente dalla FP3, ma soli due posti in palio per accedere al Q2. Ad accaparrarseli sono stati Andrea Dovizioso (con il miglior tempo di 1:32.298) e il francese Zarco, secondo con il timing di (1:32.367). Proprio il transalpino, beniamino del pubblico di casa, è riuscito a scalzare in extremis - quando già era stata sventolata la bandiera a scacchi - la Honda di un Dani Pedrosa apparso comunque in crescita rispetto alle libere del mattino. Niente da fare invece per Jorge Lorenzo, incapace di andare oltre la sesta posizione. Qualche segnale di risveglio per Andrea Iannone, ancora però lontano dai primi della classe. Che scenderanno in pista fra pochissimo per contendersi la pole sulla griglia di partenza: chi riuscirà a spuntarla? (agg. di Dario D'Angelo)

La FP4 si è appena conclusa con Maverick Vinales che si candida ad essere grande protagonista in ottica pole position delle qualifiche che stanno per iniziare sul circuito di Le Mans che ospita il Gran Premio di Francia 2017 di MotoGP. Una sessione, quella di libere, caratterizzata da moltissime cadute: a finire a terra, oltre alle Ducati di Dovizioso e Lorenzo ad inizio FP4, sono stati anche Miller, Lowes, Folgar e soprattutto Marc Marquez. Il pilota Honda è stato protagonista della più classica delle scivolate finendo nella ghiaia, ma per lui per fortuna non ci sono state conseguenze. Al termine della FP4, alle spalle di uno scatenato Vinales, si è piazzata la Honda del redivivo Pedrosa, con lo spagnolo che sulla bandiera a scacchi ha superato un comunque ottimo Valentino Rossi. A completare la top five il francese Zarco e Cal Cruthclow. Ora però è tempo di dare il tutto per tutto, prima la Q1: poi ci si gioca la pole position...(agg. di Dario D'Angelo)

Primi minuti di FP4 e prime cadute per le Ducati nell'ultima sessione di libere prima delle qualifiche del Gran Premio di Francia 2017 di MotoGP. A finire per terra per primo è stato Andrea Dovizioso, scivolato in curva 6 ma subito pronto a rimontare in sella alla sua moto. Stessa sorte occorsa a Jorge Lorenzo, anche lui come il compagno di scuderia protagonista di una giornata fin qui molto negativa. La caduta più pericolosa e spettacolare è stata quella che ha riguardato Jack Miller, con la sua moto semi-distrutta dopo essere finita contro le barriere, ma a quanto pare nessuna conseguenza per il centauro rialzatosi sulle proprie gambe dopo l'arrivo dei soccorsi. Per quanto riguarda la classifica provvisoria, in questo momento il miglior tempo è quello di Maverick Vinales (1:33.465). Alle sue spalle l'altra Yamaha di Valentino Rossi, staccata di meno di due decimi, mentre a completare il podio c'è il beniamino di casa, Zarco. Marc Marquez è attualmente in quarta posizione davanti a Bautista. (agg. di Dario D'Angelo)

Dopo una FP3 ricca di colpi di scena è pronta a prendere il via la FP4 sul circuito di Le Mans valida per il Gran Premio di Francia 2017 della MotoGP. Piloti nella quarta e ultima sessione di prove libere prima delle qualifiche cercheranno di trovare il - prima delle qualifiche che assegneranno la pole position sulla griglia di partenza - il feeling giusto con una pista che negli ultimi due giorni ha cambiato condizioni praticamente di continuo. Quello che i piloti staranno attenti a curare sarà soprattutto il ritmo in vista della gara di domani e in questo caso gli osservati speciali saranno tutti quei big incapace di entrare nella top ten della FP3 rimasti esclusi dalla Q2. In particolare le Ducati, soprattutto dopo l'ottima prova di ieri sul bagnato, sono chiamati a lanciare segnali di risveglio: le vedremo sugli scudi già a partire da questa FP4 o ancora una volta a fare la voce del leone saranno Redding & co.? (agg. di Dario D'Angelo)

La FP3 andata in scena quest'oggi sul circuito di Le Mans nell'ambito del Gp di Francia 2017 della MotoGP è stata probabilmente la più spettacolare - e ancora bisogna attendere le qualifiche che determineranno pole position e griglia di partenza - della stagione del Motomondiale. Una pista inizialmente umidissima, dopo la forte pioggia di ieri, ha messo a dura prova la capacità dei piloti di gestire la moto in condizioni sui generis. Poi è entrata in gioco la strategia: da una parte la consapevolezza che l'asfalto sarebbe stato più asciutto verso la fine della sessione, dall'altra la necessità di mandare in temperatura le gomme slick senza sprecare troppa benzina. A rimetterci le penne sono stati diversi big, incapaci di garantirsi l'accesso nella top ten e di conseguenza alla Q2. La grande delusione sono probabilmente le Ducati, che con Dovizioso hanno sfiorato l'ingresso nei migliori dieci, ma con Lorenzo non si sono neanche avvicinate lontanamente al taglio. Vittima illustre anche Dani Pedrosa su Honda, che con il 22esimo tempo ha fatto meglio del solo Lorenzo, così come Iannone, mai in grado di impensierire realmente i migliori. La sensazione, anche considerando il passo-gara, è che il GP di Francia possa essere quello delle sorprese: ne è la prova la prima piazza di Redding, che ha inflitto un pesante distacco a Crutchlow e a Miller, rispettivamente secondo e terzo. Ha giocato d'esperienza Valentino Rossi, quarto, che già sente però il fiato sul collo di un Marc Marquez che ha chiuso quinto. Delusione per Petrucci, che manca la Q2 per 69 millesimi. Ma com'è successo oggi potrebbe accadere anche domani che il meteo cambi i valori in pista: a Le Mans, del resto, nulla può essere mai dato per scontato. (agg. di Dario D'Angelo)

La FP3 del Gran Premio di Francia 2017 della MotoGP ha compromesso non poco le ambizioni di diversi piloti che di solito puntano alla pole position e più in generale alle posizioni migliori sulla griglia di partenza. Tanti i nomi illustri che hanno dovuto rinunciare all'ingresso nella Q2 vista l'incapacità di entrare nella top ten: tra questi soprattutto Lorenzo e Dovizioso, i piloti Ducati che venerdì avevano ben impressionato sulla pista bagnata. Tra gli esclusi, però, vi sono anche Dani Pedrosa e Andrea Iannone. Il miglior tempo, a sorpresa, è quello di Scott Redding, che ha staccato il biglietto per la seconda sessione di qualifiche con la sua OCTO Pramac Racing con il tempo di 1:35.674. Alle sue spalle secondo tempo per Cal Crutchlow (+0.361), che ha preceduto l'ottimo Miller (0.448). Buona prestazione anche per Valentino Rossi, che con il quarto tempo (+0.511) si è messo al sicuro da brutte sorprese e ha preceduto la Honda di Marc Marquez (+0.680). Completano la top ten Abraham, Paul Espargaro, Vinales, Baz e Smith. (agg. di Dario D'Angelo)

Una FP3 complicata, è quella che si sta sviluppando sul circuito di Le Mans che ospita il Gran Premio di Francia 2017 della MotoGP. I piloti, impegnati nel tentativo di assicurarsi l'ingresso nella seconda sessione di qualifiche, hanno infatti trovato una pista molto umida e non è un caso che sia Petrucci sia Vinales nella prima fase abbiano riscontrato non pochi problemi a tenere sul tracciato la propria moto, finendo uno sulla sabbia e l'altro nella via di fuga. In questo momento, quando manca una decina di minuti alla conclusione della FP3 e i centauri hanno montato le gomme slick contando sul fatto che il sole sta scaldando la pista, in testa c'è Miller con il tempo di 1:37.467 davanti a Marquez, Zarco, Crutchlow, Redding, Petrucci, Rossi, Baz, Abraham e Smith. Fuori dalla top ten, per ora, Vinales, Pedrosa, Dovizioso, Lorenzo e Iannone. Ci attendono dieci minuti di fuoco! (agg. di Dario D'Angelo)

La terza sessione di prove libere (FP3) del Gran Premio di Francia 2017 della MotoGP ha preso il via da pochi minuti sul circuito di Le Mans, con i piloti scesi in pista per testare le proprie moto in vista delle qualifiche che assegneranno la pole position sulla griglia di partenza. Grande attesa soprattutto per la prova di Marc Marquez, il pilota Honda  che ha chiuso la FP2 in seconda posizione alle spalle di Dovizioso, e alla stampa ha dichiarato:"Abbiamo iniziato bene. Qui a Le Mans bisogna essere bravi a farsi trovare pronti in ogni condizione di tempo. In pista abbiamo lavorato sia su asciutto che bagnato, questo ci ha permesso di lavorare in un certo modo". Lo spagnolo si è detto fiducioso in vista delle qualifiche, anche perché il feeling con la moto è ottimo: "Il grip è buono, mi sento veramente bene ma vedremo in qualifica come andranno le cose. Sul bagnato la moto ha risposto in modo positivo, anche se è chiaro che sia diverso". Sulle condizioni meteo Marquez esprime una preferenza in vista della gara: "Spero sia bel tempo e che la pista sia asciutta". (agg. di Dario D'Angelo)

Avrà inizio tra pochi minuti la FP3 del Gran Premio di Francia 2017 della MotoGP. Un appuntamento importante, quello sul circuito di Le Mans, soprattutto per saggiare le possibilità di pole position dei big in vista delle qualifiche del pomeriggio che determineranno la griglia di partenza della gara di domani. A chiudere in testa la seconda e ultima sessione di prove libere del venerdì è stato Andrea Dovizioso su Ducati, con l'italiano autore del miglior tempo in 1'41":673. Alle spalle del ducatista, con un ritardo di soli 43 millesimi, si è piazzato Marc Marquez su Honda, che ha preceduto l'altro italiano Danilo Petrucci, staccato di 233 millesimi dal connazionale Dovizioso. Per quanto riguarda le Yamaha di Maverick Vinales e Valentino Rossi non sono andate oltre l'ottava e la decima posizione. Decisamente meglio Andrea Iannone, quinto con la sua Suzuki. Questi valori saranno riconfermati nella FP3 che sta prendendo il via? (agg. di Dario D'Angelo)

E' stato un buon Andrea Dovizioso quello visto nelle prove libere del Gp di Francia della MotoGP, preludio delle qualifiche che assegneranno la pole position, nonostante una pioggia intensa abbia reso meno agevole la pista. Il pilota Ducati si è detto abbastanza soddisfatto di quanto fatto e tira un sospiro di sollievo per il suo finale colmo di rischi: "Potevo cadere negli ultimi giri, menomale che ho riportato ai box la moto intera". Sulla prestazione: "Stavo spingendo forte perché sapevo che un crono di 1’41” e 3 sarebbe stato sufficiente per entrare nella top ten, e ci ho provato fino all’ultimo, però ho esagerato un po’ e ho perso l’anteriore alla staccata dell’ultima curva". Per quanto riguarda le condizioni meteo, Andrea dice di non temere la pioggia: "La nostra Ducati va bene sul bagnato e abbiamo affrontato i due turni con calma: giro dopo giro il feeling è migliorato e ho ottenuto dei buoni tempi". Regna quindi soddisfazione, ma è chiaro che se Dovizioso potesse opterebbe per un tracciato asciutto in qualifica: "Lo spero".  

Prove libere del Gp di Francia di MotoGP tra luci e ombre per Jorge Lorenzo, pilota Ducati alla ricerca della pole position nelle qualifiche di oggi. Lo spagnolo è reduce da una sessione mattutina positiva ed una pomeridiana difficile, come ha spiegato nelle interviste ai media. "Con la pista poco bagnata, mi sono trovato molto bene sulla mia Desmosedici e senza spingere troppo sono sempre stato tra i più veloci, con relativa facilità" ha commentato Jorge Lorenzo. Poi ha spiegato come sono nati i problemi: "Quando le traiettorie si sono asciugate verso fine turno, abbiamo montato le gomme slick un po’ in ritardo e non ho trovato il feeling giusto. C’erano ancora delle zone molto bagnate e non ho voluto rischiare, così per il momento sono rimasto fuori dalle Q2". Tanto lavoro da fare, dunque, per Lorenzo in vista delle qualifiche: "Dobbiamo cercare di essere competitivi in  qualsiasi condizioni. Nelle prove non ho avuto delle buone sensazioni soprattutto perché mi mancava grip al posteriore, ma cercheremo di trovare il setting giusto".

Al termine delle prove libere del Gp di Francia 2017 della MotoGp, svolte sul circuito di Le Mans, Valentino Rossi ha commentato la sua giornata ai microfoni dei giornalisti. Il peserese, lontano dalla pole position virtuale, non è affatto soddisfatto del suo decimo posto, ma ha detto di aver riscontrato dei progressi con la moto rispetto a Jerez: "il feeling con la moto è andato bene sull'acqua anche se in generale potevamo fare meglio. Va comunque molte meglio che a Jerez, le sensazioni continuano a migliorare". Il 'Dottore' è già proiettato ai prossimi impegni e indica la strada per rendere il weekend memorabile: "Dobbiamo lavorare da tutte le parti, perché sono tutti molto veloci sia sull'asciutto, sia sul bagnato. Ci concentriamo soprattutto sull'entrata in curva". Domenica, durante la gara, dovrebbe esserci il sole e Rossi si augura che la pista sia asciutta già in qualifica:  “Altrimenti in gara per scegliere le gomme giuste ci vorrà molta fortuna”.

E' un Maverick Vinales fiducioso, quello intercettato dai media al termine delle prove libere del Gran Premio di Francia della MotoGp. Il pilota Yamaha è convinto di poter fare bene in tutto il weekend e magari puntare alla pole position:"Le sensazioni sono state molto buone. Sono stato veloce e probabilmente mi sentivo meglio in condizioni miste: a metà della FP1 la moto si stava comportando molto bene. Nel pomeriggio abbiamo faticato un po' di più con il grip, ma abbiamo fatto un passo avanti ed ogni volta sul bagnato mi sento più a mio agio. Per questo è stato importante girare tanto nel secondo turno".  Lo spagnolo non fa mistero di sperare nel bel tempo per le qualifiche e per la gara:  "Speriamo sia favorevole. Avevamo bisogno di girare ancora sul bagnato, sono state importanti le due libere, soprattutto quella del pomeriggio". Feeling con la moto ottimo, la fiducia del team cresce in vista dei prossimi impegni: "Siamo ad un buonissimo livello, lavoriamo come sempre per dare il massimo".

La MotoGp è ancora in diretta: oggi, sabato 20 maggio, grande appuntamento con le qualifiche del Gran Premio di Francia 2017 sul circuito di Le Mans, che serviranno a stabilire la griglia di partenza e l'autore della pole position del quinto appuntamento con il Motomondiale 2017. In questa località che ha fatto la storia degli sport motoristici stiamo vivendo le emozioni di un nuovo appuntamento con la stagione del Motomondiale. Una bella notizia è naturalmente quella legata al fatto che gli orari saranno quelli classici dei Gran Premi del Vecchio Continente, quindi non ci saranno problemi per gli appassionati con i vari appuntamenti del girono: si parte alle ore 9.55 con le prove libere FP3, 45 minuti particolarmente importanti anche perché definiranno la classifica combinata delle prime tre sessioni di libere che stabiliscono i dieci qualificati direttamente al Q2; alle ore 13.30 i 30 minuti della , poi le due sessioni delle qualifiche, da 15 minuti ciascuno: alle ore 14.10 via alla , alle ore 14.35 ecco la decisiva che definirà le prime quattro file della griglia di partenza, secondo il format che è stato confermato dalle scorse stagioni.

Dopo le prime due sessioni di prove libere non abbiamo gli elementi sufficienti per capire chi può essere il favorito per la pole position e la vittoria nel Gran Premio di Francia di MotoGP. Il quinto appuntamento della stagione 2017 di MotoGp si è aperto con un venerdì piovoso, la pioggia ha condizionato il lavoro di team e piloti sia nella FP1 che nella FP2, soprattutto nel pomeriggio quando un acquazzone ha bagnato la pista a poche decine di minuti dal semaforo verde impedendo ai centauri di girare sotto l'1:40, motivo per cui nella classifica combinata delle due sessioni le dieci migliori prestazioni sono state ottenute nella mattinata odierna. Basti pensare che Dovizioso, il più veloce di tutti nella FP2, scivola addirittura al 13^ posto consdierando anche i tempi della FP1. Poco male comunque per chi è rimasto fuori dalla top 10 quest'oggi, le previsioni meteo parlano di un netto miglioramento e di un innalzamento delle temperature per la giornata di domani, per cui nella FP3 ci sarà modo di poter gommare la pista, testare a dovere le gomme slick, andare più veloci e avvicinarsi al record della pista.

Non è stato facile per i piloti della MotoGP interpretare le condizioni della pista nella prima sessione di prove libere sul circuito Bugatti di Le Mans, sede del Gran Premio di Francia (quinta prova del calendario 2017): all'inizio della FP1 la pista era ancora piuttosto umida con diverse pozzanghere lungo il tracciato e dunque nessuno ha avuto dubbi sul montare le gomme da bagnato, poi col passare dei minuti l'asfalto si è progressivamente asciugato anche grazie ad alcuni raggi di sole che hanno attraversato le nuvole e riscaldato il manto stradale, a quel punto a fare la differenza è stata la sensibilità dei centauri e in tal senso il più bravo di tutti è stato Jack Miller. L'australiano che in condizioni simili si esalta sempre è stato il primo a inanellare una serie di giri veloci molto interessanti con le gomme slick, mentre gli altri faticano a trovare il feeling con gli pneumatici da asciutto che rendevano al meglio solamente nel tratto conclusivo mentre soprattutto nelle prime curve le rain sembravano le più adatte. Peccato per Miller che la pioggia faccia la sua ricomparsa nel primo pomeriggio odierno per poi lasciare spazio al bel tempo nelle giornate di domani e domenica (almeno stando alle previsioni), altrimenti il portacolori del team Marc VDS avrebbe potuto giocarsi le sue carte per la pole (o comunque le primissime file dello schieramento di partenza) e per la vittoria. Tra le sorprese positive di questa FP1 segnaliamo anche Baz e Abraham che solitamente troviamo nelle retrovie ma quando le condizioni climatiche mutano riescono sempre a scalare la classifica, Valentino Rossi è rimasto a lungo nelle ultime posizioni e solamente in extremis ha trovato la zampata che gli ha consentito di entrare nella top 10 dalla quale sono rimasti invece fuori pezzi grossi come Pedrosa, Lorenzo e Dovizioso. Da segnalare, infine, il ventesimo tempo di Sylvain Guintoli tornato in MotoGP per sostituire l'infortunato Alex Rins in sella alla Suzuki.

Tutte le sessioni di oggi saranno trasmesse come di consueto su Sky Sport MotoGp HD, il canale numero 208 della piattaforma satellitare Sky, che anche quest'anno - per la quarta stagione consecutiva - detiene i diritti per trasmettere tutti gli appuntamenti della MotoGp e naturalmente anche delle altre classi del Motomondiale. Oggi è la seconda giornata e per quanto riguarda Sky, il punto di riferimento è sempre Guido Meda, al microfono della MotoGP affiancato da Mauro Sanchini, nella squadra dei commentatori pure Loris Capirossi.

Zoran Filicic e il commento dello stesso Mauro Sanchini oppure di Roberto Locatelli ci racconteranno la Moto2 e la Moto3; ecco poi il volto nuovo Vera Spadini in conduzione dal Paddock per la rubrica contenitore e gli inviati ai box Sandro Donato Grosso e Marco Selvetti. Inoltre, gli abbonati avranno anche l'occasione di seguire le prove in streaming video tramite l'applicazione Sky Go. Per quanto riguarda la tv in chiaro, l'appuntamento con le differite su Tv8 (canale numero 8 del telecomando), che riguarderanno soltanto qualifiche e gare, sarà a partire dalle ore 22.15. Ricordiamo anche i riferimenti ufficiali del Mondiale su Twitter, l'account @MotoGp, così come la pagina MotoGp su Facebook.

In attesa di vivere questa grande giornata, facciamo una breve storia del Gran Premio di Francia. La storia delle gare motociclistiche in Francia è decisamente lunga, visto che la prima edizione del Gran Premio risale addirittura al 1920, proprio qui a Le Mans, ai tempi di un motociclismo a dir poco pionieristico. Nei primi anni il Gp transalpino fu molto itinerante, visto che fino al 1939 fu ospitato da molte città, ma è da segnalare la sua grande regolarità: solo nel 1934 non si disputò. Dopo la Seconda Guerra Mondiale invece si dovette attendere il 1949 per il ritorno del Gp francese, non valido però per il Mondiale che nacque proprio in quell'anno. Per la prima edizione “iridata” bisogna dunque attendere il 1951 ad Albi. In effetti in quegli anni vi furono diverse interruzioni, prima che il Gran Premio di Francia tornasse in pianta stabile a partire dal 1959 con le uniche eccezioni del 1968 e 1971. Restò invece la tradizione dell'essere una gara molto itinerante: limitandoci alle edizioni valide per il Mondiale, si è corso ad Albi, Rouen, Reims, Clermont Ferrand, Le Mans, Le Castellet, Nogaro e Magny Cours.

Dal 2000 però Le Mans è diventata la sede fissa e dunque questa sarà la diciottesima edizione consecutiva che si disputerà sul circuito Bugatti, solo in parte coincidente con il più lungo Circuit de la Sarthe, quello dove si disputa la leggendaria 24 Ore automobilistica. Di certo questa non è una delle gare preferite da Valentino Rossi, che a Le Mans ha vinto solo nel 2002, 2005 e 2008, oltre che nel 1997 in classe 125, quando però si correva ancora al Paul Ricard di Le Castellet. Ben sei vittorie tra le varie classi sono state ottenute invece da Jorge Lorenzo, di cui cinque nella classe regina compresa la doppietta 2015-2016: possiamo dunque dire che Jorge ha la maggior confidenza con Le Mans fra i big, anche se non vanno sottovalutati nemmeno i quattro trionfi di Dani Pedrosa - dei quali però solo uno in MotoGp. Marc Marquez invece vanta la vittoria in Moto2 del 2011 e quella in MotoGp del 2014, Maverick Vinales si è imposto invece nel 2011 e nel 2013 ma sempre nella cilindrata più piccola. Adesso però è giunto il tempo di tornare all'attualità e di far parlare l'unico giudice, cioè la pista, quindi mettiamoci comodi: la diretta delle qualifiche e delle prove libere FP3 e FP4 del Gran Premio di Francia 2017 della MotoGp sul circuito di Le Mans sta per cominciare…

© Riproduzione Riservata.