BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIRETTA/ Genoa-Napoli live (serie A 2012/2013): la partita in temporeale

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Cavani batte Frey (Infophoto)  Cavani batte Frey (Infophoto)

DIRETTA GENOA-NAPOLI LIVE (SERIE A 2012/2013): LA PARTITA IN TEMPOREALE - Si gioca: è questa la notizia del giorno. Genoa-Napoli è stata a rischio per tutta la mattina a causa del maltempo che ha preso d'assedio tutto il Nord Italia e in particolare la Liguria. Alla fine la decisione è stata positiva, e allora al Ferraris Gigi Delneri cerca i primi punti da quando siede sulla panchina del Grifone. Il Napoli però si è rilanciato vincendo in Europa League e vuole tenere il passo delle prime due della classe, dunque non ha intenzione di concedere sconti. Sei anni fa questa partita si giocava in serie B; poi la promozione nel 2007, e da allora Genoa e Napoli sono cresciute in maniera esponenziale, soprattutto i partenopei che in pochi anni sono arrivati agli ottavi di Champions League e a giocarsi lo scudetto. Più travagliato il percorso del Genoa, che vincendo oggi chiuderebbe una crisi nera di risultati che ha portato all'esonero di Gigi De Canio, ma che sta proseguendo nonostante il cambio in panchina. La partita sarà anche un'occasione per festeggiare i 30 anni di gemellaggio tra le due tifoserie, nato durante un Napoli-Genoa del 1982; in questo senso la partita che finì 0-0 e sancì la promozione diretta di entrambe le squadre senza playoff è indicativa dei buoni rapporti che intercorrono. I precedenti vedono in vantaggio il Grifone, che ha ottenuto 18 vittorie contro 7, con 15 pareggi. Il 29 gennaio scorso si impose il Genoa per 3-2 (doppietta di Palacio e Gilardino, per i partenopei Cavani e Lavezzi), mentre Delneri ha otto precedenti contro il Napoli, fatti di 3 vittorie e 3 sconfitte, con quattro pareggi; Mazzarri ha invece nove precedenti contro il Genoa, divisi tra Sampdoria e Napoli. Quattro vittorie e tre sconfitte, due pareggi. Un ex in campo (in realtà in panchina): si tratta di Giandomenico Mesto, prima stagione al Napoli dopo quattro anno di Grifone (132 presenze e 8 gol). 

CLICCA QUI PER LA DIRETTA DI NAPOLI-GENOA LIVE (SERIE A 2012/2013): SEGUI E COMMENTA LA PARTITA IN TEMPOREALE

Il Genoa arriva da quattro sconfitte consecutive. La prima della striscia, il 4-2 casalingo contro la Roma che ha saputo rimontare dallo 0-2, è costato la panchina a De Canio, che Preziosi aveva chiamato lo scorso anno per salvare la squadra (impresa riuscita). E' arrivato Gigi Delneri, già autore del miracolo Chievo nei primi anni 2000 e poi calato nelle quotazioni a causa del pessimo anno alla guida della Juventus (settimo posto ed esclusione dalle coppe europee). Il tecnico friulano non è però riuscito a invertire la tendenza: per tre volte il Genoa non è riuscito a segnare e, pur avendo invertito la tendenza negativa in difesa (tre gol subiti, prima ne erano stati incassati 12 in otto partite), sono arrivate tre sconfitte in serie, contro Milan, Fiorentina e Siena. Il calendario non ha aiutato e siamo d'accordo, ma la sensazione è che ancora una volta le rivoluzioni volute da Preziosi (questa meno profonda di altre) abbia generato solo confusione all'interno del gruppo. Delneri certo deve fare fronte ad infortuni importanti (Juan Vargas e Borriello, che comunque torna oggi e va in panchina), ma il piatto piange troppo: in casa il Grifone ha messo insieme solo una vittoria (all'esordio: 2-0 al Cagliari, poi ha raccolto due pareggi e tre sconfitte, segnando sette gol e incassandone 10. Almeno al Ferraris bisogna fare di più se si vuole rimanere fuori dalla zona retrocessione.

Il Napoli sta affrontando il primo momento difficile della stagione. Il campionato dei partenopei era iniziato alla grande con sei vittorie e un pareggio, che avevano lanciato la squadra di Mazzarri allo scontro diretto con la Juventus con gli stessi punti dei campioni d'Italia. Lo 0-2 di Torino ha creato una sorta di blocco psicologico, come se i partenopei si fossero resi conto di non poter ancora dire la loro per lo scudetto: contro il Chievo è arrivata una vittoria sofferta, poi l'Atalanta ha vinto 1-0 a Bergamo e nell'ultima giornata il Napoli si è fatto riprendere nel recupero dal Torino. In più, si è visto anche in Europa League che questa squadra non può fare a meno di Cavani: senza il Matador viene a mancare un terminale offensivo decisivo. In trasferta il Napoli stenta: appena 7 dei 23 punti totali sono stati conquistati lontano dal San Paolo, e appena 4 i gol segnati, meno di uno a partita. Decisamente poco per una squadra che si gioca lo scudetto (o che almeno è partita con questa idea), e per il momento non fa la differenza l'avere la miglior difesa del torneo (7 gol incassati, uno in più della Fiorentina). La sensazione è che per dare fastidio a Juventus e Inter fino in fondo serva qualcosa di più, ma per le prime tre posizioni c'è tutto il potenziale necessario. Oggi però serve una vittoria per riprendere la marcia. 

Ci aspettiamo una partita nervosa: il Genoa deve per forza vincere, cercherà di fare la partita ma potrebbe essere troppo timoroso di subire per affondare il colpo. Il Napoli in trasferta gioca molto sulle ripartenze, quindi non presserà tantissimo per avere poi lo spazio necessario a lanciare i suoi velocisti. Scopriremo presto come andrà a finire: Genoa-Napoli sta per cominciare…

 

CLICCA SUL PULSANTE > QUI SOTTO PER LA DIRETTA DI GENOA-NAPOLI LIVE (SERIE A 2012/2013): SEGUI E COMMENTA LA PARTITA IN TEMPOREALE



  PAG. SUCC. >