BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LE VITE DEGLI ALTRI/ Su Rai Uno le vite drammatiche della Berlino del muro nel film Oscar di Von Donnersmarck

Pubblicazione:

levitedeglialtri_filmR375.jpg

Le vite degli altri, trama, 30 novembre Rai Uno ore 21.10 – Tra i programmi tv di stasera Le vite degli altri, che si scontra con il Grande Fratello. Anche Le vite degli altri racconta una sorta di Grande Fratello: nella Germania Est negli anni 80, in piena epoca del muro di Berlino, amori, erosmi, passioni e intrighi sono spiati da uno spietato agente della Stasi (la polizia di Stato) . Ma ascoltare le vite degli altri non può lasciare indifferenti. E forse da lì passa la redenzione. Le vite degli altri ha vinto l’Oscar nel 2007 come miglior film straniero.

 

Le vite degli altri, trama, trama, 30 novembre Rai Uno ore 21.10 – Nella Berlino Est dell’anno 1984, il capitano della Stasi, Gerd Wiesler, viene incaricato di spiare Georg Dreyman, scrittore di teatro famoso e fedele al regime. Lui stesso ritiene che sia utile tenere d’occhio l’artista, ma non sospetta che il ministro della Cultura Bruno Hempf incoraggi il suo proposito con lo scopo di mettere da parte Dreyman, di cui vuole avere a tutti i costi la compagna, l’attrice Christa-Maria Sieland. Il superiore di Wiesler, tenente colonnello Anton Grubitz, cerca tuttavia di spronarlo e stuzzicarne il talento investigativo con un’appetitosa promozione nel caso Wiesler riesca a scoprire qualcosa su Dreyman. Wiesler è single, senza una vita privata: spiando la coppia di artisti, è introdotto nel mondo dell’arte e dello spirito libero, e pure nelle relazioni umane, che lui non cura limitandosi a occasionali visite di prostitute fornite dal partito. Progressivamente, sotto l’azione della vita degli altri, Wiesler si sottrae sempre più all’incarico di trovare materiale compromettente sullo scrittore. I suoi resoconti diventano irrilevanti.

 

Appena prima dell’ispezione nell’appartamento dello spiato, condotta personalmente da Grubitz, Wiesler si affretta all’appartamento di Dreyman e di nascosto porta via la macchina da scrivere. Quando il tenente colonnello della Stasi Grubitz inizia a cercare proprio nel nascondiglio escogitato da Dreyman e rivelato dall’attrice Christa-Maria Sieland, questa, non sapendo che il nascondiglio è vuoto, non può reggere la vergogna del tradimento. Si precipita fuori di casa e si butta sotto un camion di passaggio che la ferisce a morte. Pur senza poterlo provare, ora a Grubitz è chiaro che Wiesler ha protetto Dreyman e perciò gli annuncia che la sua carriera è finita: passerà il resto della sua vita in uno scantinato ad aprire buste con il vapore, fino alla pensione, dopo vent'anni. È in questo scantinato che lo vediamo il giorno della caduta del muro di Berlino: di anni ne sono passati.

 

Clicca qui sotto >> per continuare a leggere la trama e guardare il video di Le vite degli altri



  PAG. SUCC. >