BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MOANA/ Giorgia Wurth, ritratto di un’attrice: dal teatro, al cinema e ora nella fiction di Sky

Pubblicazione:

Giorgia_WurthR375_1dic09.jpg

 

C'è anche una partecipazione come cantante con la canzone Vergogna, un rap diffuso in rete su Youtube e MySpace, accompagnato da un video trasgressivo, di cui tuttavia non è la protagonista. Un personaggio quindi completo, versatile. Una vera artista che si sa ben dividere in tutti i campi dell'espressività. Vivace e intelligente, con una lettura della realtà che ricorda i personaggi più veri. Con i suoi capelli biondi e il suo fascino quasi nordico sembra ricordare, quasi che ne volesse prendere l'eredità, almeno nello stile e negli atteggiamenti la grande attrice statunitense Michel Pfeiffer.
Una regina della creatività che ama veramente l'arte in tutti i suoi aspetti. Secondo un concetto per cui bisogna andare a fondo proprio di tutto ciò che è creatività. E Infatti Giorgia ammette che il lavoro di attrice non è poi così semplice, ma è sempre e comunque affascinante. Le piace infatti calarsi ogni volta in tante parti recitative per prendere ogni volta le parti di questo o quel personaggio. Quasi in una sorta di finzione scenica, di transfert che ogni volta un attore o un'attrice deve saper esprimere in tutte le occasioni. Lei che ha questa duplice identità ligura -svizzera e porta nel suo carattere, nel suo temperamento questa miscela di sangue, di identità multietnica. La sua Liguria con cui mantiene un rapporto di amore - odio. Quella Liguria dove comunque va ogni mese sia per vedere la sua famiglia, che per ricaricarsi e vedere i luoghi dell'infanzia. La Svizzera da cui ha tratto quell'eleganza, quello charme che fanno parte della sua persona.
Quel rispetto per l'ambiente e la natura che fanno parte della cultura centroeuropea. Negli anni in cui era annunciatrice ha imparato la dizione della lingua italiana, quasi una grammatica indispensabile per diventare attrice. Poi ora questa sua passione per il teatro che predilige particolarmente, dove c'è questo splendido rapporto diretto col pubblico che ti giudica, ti segue, mentre sei lì sul palco a recitare. Nel cinema  poi ama Francois Ozon regista francese.
Naturalmente anche un grande regista come Bertolucci. Le piacerebbe portare sul grande schermo, la storia di Lady Oscar il personaggio dei video animati che ha lasciato a Giorgia Wurth un qualcosa di magico, sensazioni e sentimenti veramente suggestivi.
Così come si lascia incantare dalla bellezza delle città e dei luoghi che ama di più. Roma, prima di tutte, la città dove vive.


CONTINUA LA LETTURA DELL'ARTICOLO, CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO
 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >