BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FILM AVATAR/ Ben Bova: il kolossal moralista che non dice la sua sul rapporto tra uomo e realtà

Pubblicazione:

avatarR375.jpg

La fantascienza non ha mai avuto il potere di trasformare la scienza. Se la fantascienza avesse un simile potere, il mondo sarebbe molto migliore di quanto non sia oggi. Quello che la fantascienza può fare è di entusiasmare i lettori sulle possibilità del futuro e di metterli in guardia sui pericoli che possono ritrovarsi di fronte.

 

Quindi, qual è la sua opinione su ipotesi quali il “terraforming”, cioè il deliberato cambiamento del clima di un pianeta per renderlo abitabile dagli uomini? È qualcosa di effettivamente raggiungibile, sia pure non nell’immediato futuro?

 

Non credo che il “terraforming” sia un’ipotesi realistica. Perché si dovrebbero investire sforzi e tempo, magari secoli, per alterare un pianeta e renderlo simile alla Terra? Sarebbe molto più semplice costruire strutture spaziali abitabili, tipo il cilindro di O’ Neill, rendendole completamente “terrestri”, compresa la gravità che abbiamo sulla Terra. Inoltre, alterare le condizioni di un pianeta significa distruggere inevitabilmente le forme di vita locali, il che è moralmente condannabile.

 

Per questo alla fine il protagonista finisce per schierarsi dalla parte degli indigeni?

 

In Avatar, la maggior parte degli umani sono descritti come avidi o, quantomeno, moralmente indifferenti. Non c’è da meravigliarsi se il protagonista alla fine si schiera con i nativi, rappresentati come figli della natura.

 

I grandi film di fantascienza sono sempre stati, a ben vedere, metafore potenti delle paure e dei desideri del presente. In che senso Avatar può definirsi, o meno, metafora della condizione dell’uomo di oggi? Ci sono altri film recenti che l’hanno colpita in tal senso?

 

A me è sembrato che Avatar si collegasse strettamente, più di ogni altra cosa, alla storia degli Stati Uniti e dei nativi americani. Mi ha ricordato fortemente Balla coi lupi.

 

Interessante il suo riferimento a Balla coi lupi, ma non le sembra un po’ strano che un film di fantascienza rimandi oggi alla storia iniziale degli Stati Uniti: è solo una questione di plot o sotto si nasconde qualcosa di più profondo?

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L'INTERVISTA, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >