BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LUCA E PAOLO/ Dalle Iene Show alla Passione di Cristo

Pubblicazione:

LucaPaolo_R375.jpg

Bello dopo un anno vedere una pianta farsi più bella e rigogliosa, i suoi frutti più saporiti e la chioma più ricca grazie a rinforzi e potature. Un anno fa raccontavamo a ilsussidiario.net di Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu in veste di “due ladroni accanto a un Gesù che non c’è” ne La passione secondo Luca e Paolo, tifando per questa loro insolita scommessa teatrale.
Ora che da ieri sera - e fino al 31 gennaio - sono in scena a Milano, con tutti i rischi che comporta una platea come quella del Teatro Nuovo (che pure alla prima li ha molto ben accolti), confermiamo pienamente l’impressione positiva del debutto. Aggiungendo che nel frattempo lo spettacolo si è fatto più ordinato e compatto, i due protagonisti più chiari nella definizione dei loro due diversi caratteri e l’agrodolce della scrittura più netto e consapevole.
Novanta minuti intriganti, divertenti eppur pensanti: da non perdere. Le ragioni eccole qui, le stesse di un anno fa.

ANTEPRIMA/ La Passione secondo Luca e Paolo

giovedì 12 febbraio 2009

Esci frastornato dal teatro Cagnoni di Vigevano - piazza perfetta per rodare in provincia una nuova avventura - e in fondo pensi che Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu siano due matti. Loro, quelli de Le iene, Camera Cafè, La strana coppia, fanno i due ladroni accanto a un Gesù che non c’è. In La passione secondo Luca e Paolo, scusate se è poco, parlano della vita e della morte, di non senso e di speranza.

Velleitari? Sconsiderati? Neoconvertiti a sorpresa? Sanno stare in scena: questa è una certezza. Vengono dallo Stabile di Genova, dalla sua scuola, hanno lavorato con Sciaccaluga e Besson, hanno fatto la gavetta. La tv in coppia è venuta dopo, dopo il cabaret, dopo l’avventura dei Cavalli marci, dopo. Sanno mettere in scena, altra certezza. Il testo firmato da loro insieme a Martino Clericetti e Michele Serra, con una drammaturgia ben strutturata da Giorgio Gallione, il forte segno scenico magrittiano di Guido Fiorato e le musiche efficaci curate dallo stesso Kessisoglu, ha una sua solida perentorietà.

«C’è roba», avrebbe detto vedendoli Giorgio Gaber, cui per loro stessa ammissione devono qualcosa. Soprattutto Luca e Paolo non ti rapinano, come usa fra le star tv di passaggio in teatro. Se scappano sono in fuga dal clichè, senza la cassa, che per ora - ma i primi 24 teatri in giro per l’Italia son già prenotati - è colmata dal loro produttore Beppe Caschetto (in collaborazione col Politeama Genovese), non senza qualche timore.

 

CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE LA LETTURA DELL'ARTICOLO



  PAG. SUCC. >