BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GLEE/ Ryan Murphy (Nip/Tuck) e quella serie cinica e delicata sui teen-agers americani

Pubblicazione:

GleeR375(1).JPG

Tra canzoni ottimamente eseguite e un cast che riesce a farsi amare sin dai primi istanti, Glee è, più di ogni altra cosa, una serie che parla del tentativo di un uomo di insegnare qualcosa a un gruppo di ragazzi: non semplicemente nozioni e tecniche, ma soprattutto un modo di affrontare la vita.

 

A fianco di tanti professori televisivi e cinematografici che sembrano infallibili, il Will Schuester di Glee è un uomo che continua a sbagliare, ma che ogni volta comprende i suoi errori e si migliora, compiendo quindi un percorso analogo a quello dei suoi studenti. L'insegnamento diventa occasione di crescita per studenti e professori, dove questi ultimi, pur mantenendo sempre e comunque il loro ruolo, hanno la capacità di entrare in empatia con gli studenti, di capire i loro problemi e i loro desideri.

 

Parte del successo della serie è certamente da imputare anche all'ottima collocazione nel palinsesto, che negli States la vedeva arrivare subito dopo American Idol, uno degli show più seguiti oltreoceano. Pur se i due programmi sono in netta contraddizione nel messaggio che propongono, il pubblico ha da subito amato la serie, grazie anche all'ottimo lavoro di marketing fatto dalla Fox. Immediatamente dopo la messa in onda dell'episodio infatti, era possibile scaricare da iTunes le canzoni della puntata appena trasmessa, sfruttando l'entusiasmo immediato degli spettatori.

 

Superfluo aggiungere che, oltre agli episodi finale di questa prima serie (uno sarà diretto addirittura da Joss Whedon, creatore di Buffy e Dollhouse), la Fox ha messo in cantiere la seconda stagione. Si prevede un innovativo tentativo di incrociare la fiction televisiva, il reality show e il mondo di internet: alcuni dei nuovi personaggi, infatti, saranno scelti tra ragazzi normali che si candideranno tramite video-provini caricati su youtube.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.