BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CINEMA/ Amore, perdono e libertà: tre ingredienti straordinari dei film di Robert Redford

Pubblicazione:

Redford_MooreR375.jpg

Ci sono dei film, magari non eccelsi, che restano nella memoria anche solo per una battuta. Per esempio alcuni interpretati da Robert Redford. I protagonisti di molte sue storie sono uomini feriti dalla vita e questo è un dato in cui tutti si possono ritrovare: chiunque sa che ogni ferita è una cicatrice, mai completamente rimarginata, pronta a riaprirsi non appena se ne offra l’occasione.

 

La solitudine stampata sul volto dell’attore, anche quando impersona un uomo che ha tutto, possiede uno slancio attivo, lo ributta con slancio nella lotta della vita, perché nulla è più incolmabile e più dinamico del desiderio di essere amati.

 

Volevo che finisse… Non mi avrebbe mai guardato come guardava lui.

 

Così il protagonista di Proposta indecente spiega perché, mentendo su inesistenti passate avventure, ha posto fine alla storia con una donna di cui si era invaghito, prima per scherzo e poi sul serio, allo scopo di farla tornare dal marito. Non è gelosia, è la lealtà di saper vedere in altri qualcosa di più grande che fa fare un passo indietro: la rinuncia sembra prevalere.

 

Ma il risultato non è la tristezza: c’è un senso di giustizia impastato nella vita dell’uomo che supera quella solita, per cui va bene avere tutto ciò che si vuole. Ognuno sa per esperienza che anche quando vince, è ben lontano dall’essere felice: siamo fatti così. E il compiersi del desiderio è forse più vicino attraverso altre vie.

 

Il male che si fanno due persone se lo ricordano, e se tornano insieme, non è perché dimenticano, ma perché perdonano. It’s not because they forget, but because they forgive.

 

Il gioco di parole nell’originale dice bene la natura dell’amore, che è molto più nel dare che nel prendere. E se alcune storie lasciano l’amaro in bocca, è un amaro buono, che corrisponde alla vita. Nel film Qualcosa di personale la giovane protagonista si rammarica per la misera situazione di sua sorella che il suo capo è venuto a conoscere.

 

Che cosa cambia? Lui le dice, ed è più di una dichiarazione d’amore.

 

Il protagonista di L’uomo che sussurrava ai cavalli, parlando a una donna efficiente e fragile, ricorda ciò che l’aveva legato alla moglie prima di separarsi da lei per permetterle la carriera di concertista:

 

Non l’amavo perché era giusto, l’amavo e basta.

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO



  PAG. SUCC. >