BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LUTTO/ E' morta Zelda Rubinstein, la medium di Poltergeist che prendeva il demonio per le corna

Pubblicazione:

Zelda-rubeinsteinR375.jpg

Leggenda o meno, nella pettegola Hollywood questo genere di storie dilatano le pupille. Per la Rubistein quindi fioccano una serie di lavori TV e pellicole di livello discutibile nei quali lei avrà un ruolo medianico, o angelico o, in qualche modo legato alla metafisica. Chi si scorda però della malvagia, ipnotica e incestuosa mamma Alice ne L’Angoscia (1987) di Bigas Luna, una parte così diversa dal solito per la solita “Tangina” mantenendo però, in quel ruolo così negativo, sempre la sua voce da bambina, voce originale di cui noi italiani abbiamo potuto godere solo una variazione, causa doppiaggio.


Muore quindi il 27 gennaio 2010, a 76 anni, la piccola grande Zelda Rubinstein, lasciando in eredita agli amanti del cinema uno dei personaggi più simpaticamente curiosi del genere horror, quella medium dal grande cuore e dai modi bruschi che prendeva per le corna gli spiriti demoniaci. Chissà che ora non stia facendo la stessa cosa! Come miglior saluto vale una sua frase, la quale fa trasparire le lotte e, per Zelda, le vittorie di una vita: «Loro (le piccole persone ndr) hanno circa due minuti per presentarsi come uguali agli altri, e se non traggono vantaggio da quella possibilità, la gente tornerà sull’idea comune che “meno” è meno».

 

(Alessandro Pedrazzi, Psicologo ed esperto di Cinema - Webmaster di Exxagon.it)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.