BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MATRICOLE E METEORE/ Savino & Moreira: come fare il boom di ascolti a budget ridotto

Pubblicazione:

matricole-e-meteoreR475.jpg

La nostalgia è un sentimento che ha una forza incredibile. Lo dimostra il successo di Facebook, il social network che innanzitutto è un luogo in cui rincontrare vecchi amici d’infanzia, dalla maestra delle elementari al primo compagno di banco. E lo dimostra anche la televisione italiana, attraverso un programma come Matricole e Meteore, che è incentrato proprio sull’effetto amarcord.


Il format, redivivo dopo un paio d’anni di silenzio, è andato in onda giovedì scorso in prima serata su Italia 1, salutato dall’immediata conferma del pubblico: share del 13%, per un totale di quasi 3 milioni di telespettatori. Un successo trasversale, che ha colpito diverse fasce d’età: dai più piccoli, passando per gli adolescenti, fino agli adulti, complice un sapiente mix di elementi.


Per il target più adulto si è verificato il cosiddetto effetto nostalgia, grazie a video, datati agli anni ’80, che ritraggono sia personaggi famosi ai loro albori, che le cosiddette Meteore, protagonisti dello showbiz scomparsi alquanto velocemente dalle scene televisive.


Si tratta soprattutto di cantanti, resi celebri dalla hit di un’estate, ma poi caduti presto nel dimenticatoio. Per colpire i più giovani che non hanno vissuto quegli anni, sono state create due rubriche all’interno del programma: Saranno Matricole, rivolto ad aspiranti showgirl che vogliono entrare nel mondo dello spettacolo, e I Grandi Fratelli, dedicata ai concorrenti delle passate stagioni del reality per eccellenza, a modo loro Matricole o Meteore.


PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO SU MATRICOLE E METEORE, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO
 



  PAG. SUCC. >