BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SAN VALENTINO/ Via col Vento, Sabrina e Harry ti presento Sally: quando il cinema parla d’amore

Pubblicazione:

viacolventoR375_12feb10.jpg

 

The last but not the least, arriviamo a Harry ti presento Sally. Visto? È la storia di una ragazza (Meg Ryan) che vuole le cose fatte a modo suo, che vuole la torta di mele, ma non fredda, riscaldata, e non col gelato sopra, ma a parte; solo se è di fragola però, se non c’è il gusto fragola, niente gelato, solo la torta, ma fredda. Harry (Billy Crystal) è attonito quanto noi davanti a cotanta eccentricità. Lui non sa nulla di manie di perfezionismo e ordine. Vive alla giornata, rilassato. L’occasione dell’incontro è il viaggio che entrambi devono fare da Chicago a New York; sulla di lei piccola e gialla vettura, partono alla volta della grande mela. Potrebbero mai due così stare insieme? Sappiamo che gli opposti si attraggono… ma questi due, sono eccessivamente opposti. Coppia no, magari amici.

«Harry: Ti rendi conto vero che non potremo mai essere amici.

Sally: Perché no?

H: Beh ecco... e guarda che non ci sto provando in nessunissimo modo. Uomini e donne non possono essere amici perché il sesso ci si mette sempre di mezzo.

S: No non è vero, io ho tantissimi amici maschi e il sesso non c'entra per niente.

H: Non è così.

S: Sì, invece.

H: No invece.

S: Si invece.

H: Tu credi sia così.

S: Stai dicendo che io ci vado a letto senza accorgermene?

H: No, sto dicendo che loro vogliono venire a letto con te.

S: Non è vero.

H: È vero.

S: Non è vero.

H: È vero.

S: E come lo sai?

H: Perché nessun uomo può essere amico di una donna che trova attraente, vuole sempre portarsela a letto.

S: Allora stai dicendo che un uomo riesce ad essere amico solo di una donna che non è attraente?

H: No, di norma vuole farsi anche quella.»

Arrivati a New York, si salutano, per rincontrarsi cinque anni dopo. Ma ce ne vorranno altri cinque perché finalmente scocchi la scintilla. Come profetizzato, uomini e donne non possono essere amici: i due per un po’ ci provano, ma stanno troppo bene insieme per non finire innamorati. Ma nemmeno in questo film fila tutto per il meglio: Harry, dopo aver passato la notte con Sally, fa bruscamente retromarcia. Non sappiamo se per paura o altro, sta di fatto che l’iniziare una storia pare fuori questione. Sally non la prende con filosofia, e l’amicizia (o qualunque cosa fosse) è rovinata. Avanti così, tra scuse e inascoltate richieste di perdono fino alla finale festa di capodanno in cui i due si ritrovano. E qui, Nora Ephron – la sceneggiatrice, come se non avesse sufficientemente provato il suo talento nell’ora e mezza precedente – ci regala un dialogo strepitoso tra i due protagonisti:

«Harry: Ci ho pensato tanto… e la conclusione è che ti amo.

Sally: E cosa dovrei rispondere?

H: Per esempio “anch’io ti amo”.

S: Preferisco ‘me ne vado’…

H: Aspetta…

S: Harry lo so che è la notte di Capodanno, lo so che ti senti solo, ma non puoi venire qui, dirmi che mi ami, e aspettarti che questo sistemi tutto. Le cose non funzionano così.

H: No? Proviamo così: Ti amo quando hai freddo e fuori ci sono 30 gradi. Ti amo quando ci metti un’ora a ordinare un sandwich. Amo la ruga che ti viene qui quando mi guardi come se fossi pazzo. Mi piace che dopo una giornata passata con te sento ancora il tuo profumo sui miei golf, e sono felice che tu sia l’ultima persona con cui chiacchiero prima di addormentarmi la sera. E non è perché mi sento solo, e non è perché è la notte di capodanno. Sono venuto stasera perché quando ti accorgi che vuoi passare il resto della vita con qualcuno, vuoi che il resto della vita cominci il più presto possibile».

E così, nonostante le loro idee precise sull’amore, anche Harry e Sally trovano la loro metà nell’inaspettato.

 

Tra poco è San Valentino e scegliere tra lo sterminato numero di love story non è semplice. Noi ve ne abbiamo proposte tre. Certi che, per quanto gratificanti e pirotecniche possano essere le nostre fantasie, anche la realtà, alcune volte, può sorprendere.

 

VAI A VEDERE ALCUNE SCENE DEI FILM CITATI, CLICCA SUL SIMBOLO ">>" QUI SOTTO



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >


COMMENTI
14/02/2010 - sabrina (paul g_)

bellissimo sabrina, non lo conoscevo.