BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VAMPIRE DIARIES/ L'uomo ideale del 2010? Nasce in età vittoriana...

Pubblicazione:

vampire_diaries_R75.jpg

 

Nella serie Tv Buffy, i vampiri erano i nemici, i mostri da eliminare. Tutti tranne uno, Angel, vampiro buono di cui Buffy si innamora. In Twilight, il numero di vampiri gentili e altruisti aumenta ed Edward Cullen diventa un vero e proprio Principe Azzurro, eroe romantico senza macchia. In Vampire Diaries, infine, troviamo due fratelli vampiri, diversi come il giorno e la notte: uno buono e l’altro malvagio, un angelo e un demone.

 

L’amore tra l’umana e il vampiro buono, qui come in Twilight, è giocato sul tema delle anime gemelle: nonostante la differente natura, i due protagonisti sono in perfetta sintonia, si comprendono, si fidano, si amano in modo quasi immediato. Eppure, l’impressione è che Vampire Diaries non abbia la forza della saga di Stephenie Meyer.

 

Primo, perché il libro da cui è tratto manca di quell’idealismo romantico che rende Twilight il “Romeo e Giulietta” dei nostri giorni. L’amore tra Edward e Bella è così assoluto da diventare disperazione nell’assenza, così profondo da mettere al primo posto la vita e la felicità dell’altro. Secondo, perché la serie è certamente ben confezionata, ma (almeno per il momento) sfrutta inevitabilmente situazioni già viste e conflitti già esplorati.

 

CLICCA SUL PULSANTE >> QUI SOTTO PER PROSEGUIRE LA LETTURA DELL'ARTICOLO SU VAMPIRE DIARIES



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >