BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VIDEO YOUTUBE/ Porta a Porta, Liva Turco in lacrime dopo il mea-culpa di Morgan

Pubblicazione:

turco-lacrimeR375.jpg

IL MEA CULPA DI MORGAN - Morgan si racconta nella puntata di Porta a Porta del 4 febbraio, recita il mea-culpa relativo all’intervista su Max in cui ha ammesso di fumare il crack tutti i giorni e gli ascolti del talk condotto da Bruno Vespa volano. In sala, l’ex ministro della Solidarietà Sociale Livia Turco ascolta con attenzione il racconto dell’ex giudice di X-Factor e cantante dei Blu Vertigo. E, in lacrime, gli risponde «ieri ho seguito poco la vicenda perché ero alla Camera a votare e non ho guardato le agenzie, quindi lo vivo (il tuo racconto ndr.) in diretta. E sono colpita dal fatto che, di fronte a noi, c’è una persona autentica. Vorrei ringraziarti di questa autenticità».

 

LIVIA TURCO IN LACRIME - Per l’onorevole democratica Livia Turco, Morgan ha avuto il coraggio di raccontare il proprio travaglio, le proprie emozioni e il suo tentativo di ricerca di un senso alla vita. «E siccome ho davanti a me una persona autentica» - continua Livia Turco - «vorrei parlarti in modo autentico. Mi emoziono anche un po’…». A questo punto, scoppia in lacrime «Mi sono occupata» - riprende, tra le lacrime, l’ex ministro che alzò il limite del consumo di cannabis da 500 a 1000 mg - «del tema della droga, ci ho riflettuto me ne sono occupata come madre e la cosa che ti voglio dire è questa: sono molto turbata dai racconti di mio figlio - che è un ragazzo splendido - nel sapere la facilità con cui i nostri ragazzi sono a contatto con le sostanze, una facilità rispetto alla quale un legge proibizionista come quella che è in vigore non fa nulla. C’è un unico modo per salvare nostri figli dalla droga, ed è la forza delle motivazioni» - afferma l’esponente del Partito democratico.

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

CON IL VIDEO DI LIVIA TURCO  IN LACRIME A PORTA A PORTA

DOPO IL MEA CULPA DI MORGAN

CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO



  PAG. SUCC. >