BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

AMICI 9/ Il talent-show diventa un reality. E l'auditel premia il "tutti contro tutti"

Per risollevarsi dal calo di ascolti in cui Amici di Maria De Filippi stava piombando, gli autori si sono giocati l’ultima carta: radicalizzare la suspense e gli scontri, adottando stratagemmi da reality show. L’analisi di ELISA ROSSINI 

amici9_defilippiR375.jpg (Foto)

Una lunghissima puntata ricca di suspense e colpi di scena, con un’inversione di rotta verso il reality, abbandonando per un attimo il talent: queste le ricette di Maria De Filippi e del suo nutrito clan di autori per risollevare Amici che, giunto domenica alla quarta puntata dell’edizione serale, sembrava essere piombato in una crisi di ascolti.


Ma facciamo un passo indietro: Amici di Maria de Filippi è arrivato quest’anno alla sua nona edizione. Sin dall’esordio in prime time l’auditel non è stato esaltante, complice sicuramente la collocazione domenicale, che per Canale 5 è la serata più difficile, contro le miniserie targate Raifiction.


Ma lo share della prima puntata di Amici (23,40%) è nettamente inferiore alle cifre a cui ci aveva abituati il talent della De Filippi: l’esordio della passata edizione aveva totalizzato il 26,32% e nel 2008 lo share era del 26,56% (anche allora la prima puntata era in onda di domenica contro l’imbattibile, seppur in replica, Montalbano).

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO