BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAR CONDICIO/ Talk politici sospesi: i tre errori madornali di un provvedimento illiberale

Pubblicazione:

santoro-raiR375.jpg

 

È l’eterogenesi dei fini di una delibera che riduce l’informazione nel momento in cui ce n’è maggior bisogno. E che spara con il cannone al moscerino. Se davvero si voleva lanciare un boomerang contro la sinistra e i suoi Voltinoti, bisogna constatare che quel boomerang non ha ancora cominciato il percorso di ritorno. E che, stando così le cose, potrebbe finire la sua corsa sulla schiena degli zelanti applicatori della famosa legge.


Certamente finirà per colpire la Tv pubblica, penalizzata negli ascolti e negli introiti pubblicitari, e costretta a fare le acrobazie per colmare i vuoti nei palinsesti. La morale è che la Rai ha bisogno di dirigenti che sappiano manovrare la politica e non solo applicare regolamenti.


Alla fine, rischia di aver ragione il realista Carlo Freccero. «Noi siamo un popolo latino - è il suo ragionamento - che ama l’informazione ruspante e a più voci, ma rifugge da quella asettica e misurata con il bilancino che si porta a modello citando la Bbc e le televisioni dell’Europa protestante».


Ancor più la nostra indole viene alla luce se si pretende di stabilire il primato assoluto della Norma. Come si è visto, le eccezioni e le contromotivazioni in punta di cavillo diventano così tante che quel primato può essere facilmente irriso.

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
10/03/2010 - Talk politici sospesi... per sempre? (Z sara)

Mi scusi ma visto il ruolo dei Talk Show politici in Italia, e' cioe' quello di agitare gli animi, e non invitare riflessioni o far venir voglia di approfondire certe tematiche, per fare audience e far aumentare gli introiti della pubblicita, quindi tutto tranne che informare, ma perche' non li sospendiamo per sempre? Lasciamo che siano le azioni dei politici nei luoghi nei quali sono stati chiamati a rappresentarci a parlare no? E' davvero sicuro che gli italiani non siano "tonti". Pochi mesi fa l'OCSE ci informava che in Italia il 60% dei cittadini non e' in grado di elaborare il contenuto di un articolo di giornale e solo il 12% ha accesso a internet. Temo che le assunzioni che fa sulle capacita' di elaborazione delle informazioni degli italiani non siano realistiche. Forse internet potra' salvarci dalle manipolazioni della Televisione e dei Talk shows made in Italy. http://www.ilcorpodelledonne.net/