BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ANNO ZERO/ Santoro, Luxuria, l'Isola, il Re nudo: ingredienti stonati di un reality di sinistra

Pubblicazione:

michelesantoro_R375.jpg

Vladimir Luxuria e il dibattito nella sinistra. L’aumento dell’Iva a Sky e il dibattito nella sinistra. La riforma della Rai e il dibattito nella sinistra. È la televisione il centro di attenzione, il cuore palpitante della sinistra italiana.

 

Dopo la lunga puntata di Anno Zero di ieri dedicata alla vincitrice dell’Isola dei famosi, la sensazione è quella di una cultura perduta, che corre dietro ai fantasmi. Tutto è sovradimensionato, enfatizzato, salottizzato. Non viene voglia nemmeno di raccontarli, quei lunghi minuti di chiacchiere senza fine. Operai, studenti radicali, critici intelligenti, disoccupati, giornalisti, tutti perduti dietro il lungo dipanarsi di un processo al reality che girava a vuoto.

 

La realtà, la vita quotidiana, la possibilità di costruirsi dignitosamente una casa, una famiglia, una professione e la possibilità di lavorare, persino di lottare per tutto questo erano fuori argomento.
Luxuria l’ha detto con chiarezza: faccio spettacolo, faccio reality, faccio politica solo per i diritti dei diversi: affinché nessuno li consideri più tali. L’orizzonte è angusto, il sorriso vietato: la sinistra di oggi è questa qui. Se poi ci scappa l’attacco al Vaticano sugli omosessuali che male c’è? In fondo l’hanno scritto tutti i giornali, lo sanno tutti che i preti li vogliono morti!

 

E’ una di quelle sere in cui vai a letto annoiato e depresso. In cui pensi al tempo perso e alle belle pagine che avresti potuto leggere e non hai letto, agli amici che avresti potuto sentire e non hai sentito. Non uno sprizzo spiazzante, non un guizzo. E neanche la libertà di poter dare un abbraccio sincero a una persona che ha vistosi (nel senso che li vedi in diretta) problemi di identità.

 

Lo spietato cinismo di chi fa casting nei reality sa scegliere senza troppi scrupoli chi può far risorgere un programma in fase di stanca. Ma alla sinistra questo non lo puoi dire, trasgrediresti la convenzione e il cosiddetto rispetto umano. Meglio sentirsi tutti allineati e coperti, complici di uno sguardo all’altro quello davvero colmo di ipocrisia. Nel mondo di chi ha perso il coraggio di dare alle cose il loro nome, urlare che il re è nudo farebbe troppo rumore.



© Riproduzione Riservata.
 

COMMENTI
10/12/2008 - anno? quale anno? (Alberto M. Onori)

... ah già il 2008, l'anno della sinistra estrema fuori del parlamento, della sinistra istituzionale in crisi di identità, della questione morale anche a sinistra, della crisi dei magistrati (di sinistra? mah...) e di fronte a tutto questo ambaradàn cosa fa il Santoro nazionale ex "Servire il popolo" e "Stella rossa"? Impiega ore (ORE) a parlare di un reality show che appena sei mesi fa era argomento di ludibrio e di schiamazzo per tutta la sinistra seria come di un luogo di liberazione e di affermazione di diritti. Ma come diavolo ho fatto a votare a sinistra per tanti anni? Meno male che posso sempre ripensarci! A.

 
06/12/2008 - Proprio Zero! (Lindo Caprino)

Il bello è che per fare spettacoli come questo (ed altri simili) la RAI ci chiederà tra poco l'aumento del canone!

 
05/12/2008 - questi quì non ci sono! (claudia mazzola)

Ho visto Santoro in tv, ed ora più che mai sono convinta che la sinistra non vive il reale. Si crea un mondo a parte, a pennello, che non è naturale ma neutrale alla realtà della natura, e già che ci sono si fanno tutto un programma che vale zero!