BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPETTACOLO/ Gloria Anselmi, da Miss Italia al cinema

Pubblicazione:

Gloria_FN1.jpg

Ci sono volti e personaggi che stanno venendo alla ribalta in questi anni, destinati a avere un futuro radioso, da incorniciare che forse può diventare leggenda. Lei è Gloria Anselmi nata il 19 gennaio 1981 a Voghera, già vincitrice di Miss Padania e già finalista di Miss Italia dove ha vinto la fascia di Miss Lombardia. Un personaggio solare, bellissima come le attrici di Hollywood, stile, eleganza, classe, tutte le caratteristiche per diventare un volto da copertina.

Bellezza esteriore ed interiore. Gloria Anselmi fa parte di quella generazione di artiste di talento destinate nei prossimi anni ad entrare nel gotha della celebrità. Orizzonti di gloria di una favola moderna, per seguire le orme di una delle più grandi attrici di tutti i tempi, l'indimenticabile Grace Kelly. Gloria Anselmi diventerà anche lei indimenticabile? Vorrebbe fare l'attrice e la reporter, magari anche la regista, ma pensa che nel campo dell'arte è fondamentale essere completi per poi cimentarsi in qualche campo specifico, senza però mai perdere il contatto con qualsiasi attività espressiva. Colpisce la sua preparazione culturale e la sua competenza in tanti campi, un'intelligenza e una sensibilità che sembrano far parte di un personaggio fuori dal comune. Ha frequentato il liceo classico a Voghera e il prossimo 26 giugno si laureerà allo Iulm con una tesi sul cinema di Antonio Albanese. Ma ha anche all'attivo numerose esperienze lavorative, dalla collaborazione e la partecipazione alle trasmissioni della Gialappa's, a T Time su Odeon Tv, ad autrice per la radio R101, a numerose apparizioni in programmi di telepromozione , alla realizzazione di numerosi lavori nel campo della pubblicità, a presentatrice di documentari su reti private locali a presentatrice di vari eventi letterari e sportivi alla partecipazione a film come "Natale sul Nilo" di Neri Parenti e al film su Miss Italia.

Con lei si può veramente parlare e riflettere su tutto, perché sente e percepisce la realtà e la stessa arte come qualcosa da decifrare e da approfondire in tutti i sensi. I suoi sogni sono legati a un'immediatezza e a una spontaneità che sa interpretare da protagonista. Gloria Anselmi pensa che il talento sia un fatto innato, ma che serva una scuola, una palestra fatta di tante esperienze espressive per poterla affinare e migliorarsi sempre costantemente. E' quel lavoro quotidiano che l'ha portata a frequentare tante scuole di recitazione per poter migliorare il proprio bagaglio stilistico, lei che di qualità innate ne ha tante. Sorprende infatti la sua perfetta padronanza del linguaggio con una parlata quasi toscana, quasi venisse dalla tradizione di Dante Alighieri e dalla precisa armonia delle sue capacità creative. La creatività sembra essere un'altra caratteristica quasi vissuta con grandissima armonia di questo giovane talento del firmamento dello spettacolo italiano. Al liceo classico faceva parte di una compagnia teatrale che è andata a recitare in giro per l'Italia. Adesso cerca di completare la sua molteplicità di esperienze che ogni giorno intraprende tentando con successo di essere sempre in sintonia con gli avvenimenti del presente. E le domande quelle più difficili Gloria Anselmi non le dimentica. Che cos'è quel punto di riferimento che fa andare avanti ogni persona?

Certamente gli affetti e quella forza interiore tanto importante per un'artista come lei, le radici con la famiglia di appartenenza e con quella che anche come donna e futura madre è destinata a realizzare. Già tante volte della stessa medaglia, la fede che per tante persone e anche per Gloria è importante, lo spirito positivo, l'amore per la vita che ti porta a gustare la vita. E le grandi domande che anche un'artista come Gloria Anselmi si pone. Il rapporto tra amore e libertà, quel dissidio tra queste due parti della vita che porta a interrogativi molto importanti. Esiste una libertà ideale, una libertà perfetta, quella libertà che proprio gli artisti amano in modo particolare? Certo ma non è la libertà che porta a escludere un amore affettivo, un amore di coppia, un matrimonio, per pensare un ideale di libertà egoista che ritiene che questa libertà ideale prescinda da qualsiasi tipo di legame. La vera libertà invece secondo Gloria e affidarsi e vivere da innamorati per l'altra persona. E il viaggio che cos'è per Gloria? E' una grande forma di conoscenza, uno strumento di ricerca interiore ed esteriore. Gloria Anselmi del resto ama viaggiare e conoscere posti nuovi per aumentare anche il suo bagaglio culturale. Sogna l'America, New York, il Giappone, Tokyo. Sogna di tornare a Bangkok, in Egitto, a Parigi, di conoscere e girare i luoghi più inesplorati del mondo magari il Brasile che per lei rappresenta una nazione da scoprire Il mondo nei suoi confini, nei suoi interrogativi, nelle sue domande. Oggi a Milano c'è il sole. E un sorriso solare, quello di Gloria Anselmi.

(Franco Vittadini)



© Riproduzione Riservata.