BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CINEMA WEEKEND 10 – 11 ottobre 2009/ Barbarossa, La doppia ora, Fame, Ricky e molto altro: i film in uscita venerdì 9 ottobre

Pubblicazione:

motelR375_09ott09.jpg

 

LE MIE GROSSE GRASSE VACANZE GRECHE

Usa/Spagna, di Donald Patrie, con Nia Vardalos, Richard Dreyfuss, Alexis Georgoulis  

Anche se il titolo potrebbe trarre in inganno (l’hanno fatto apposta per richiamare alla memoria l’unico altro film per cui è conosciuta da noi l’attrice protagonista), il film non è il sequel del simpatico Il mio grande grosso matrimonio greco. Anche se, appunto, la l’interprete principale è la stessa (Nia Vardalos, canadese di origine greca) e anche i produttori, ovvero i coniugi Hanks, Tom e la consorte Rita Wilson. Questa volta la Grecia c’entra perché la storia è ambientata lì, dove per una guida turistica disillusa rispetto alle faccende sentimentali si riaccende la speranza dell’amore vero dopo l’incontro con l’autista del pullman su cui lei, microfono alla mano, illustra le bellezze del Partenone ai turisti. Per inguaribili romantici.

 

MOTEL WOODSTOCK

Usa, di Ang Lee, con Emile Hirsch, Demetri Martin, Liev Schreiber, Jeffrey Dean Morgan

Il regista de I segreti di Brokeback Mountain e di Lussuria si dà alla commedia riuscendovi forse quanto, o addirittura di più, che nel drammatico. Il film ruota attorno allo storico concerto tenutosi a Woodstock nel 1969 (quest’anno il quarantennale) tradizionalmente portato a esempio come simbolo dell’inizio della rivoluzione giovanile che guardava al pacifismo, al sesso libero e alla legalizzazione delle droghe. Tutti elementi presenti nella pellicola, ma come corollario alla vicenda personale di un ragazzo figlio dei due proprietari del motel presso cui alloggiarono gli organizzatori dell’evento. Nel fango del concerto ruotano diversi personaggi, ognuno con la sua storia, come un reduce del Vietnam (Emile Hirsh, Into the Wild) o un travestito (Liev Schreiber). Un modo diverso per guardare a un evento raccontatissimo, ma forse mai così.

 

RICKY

Francia, di François Ozon, con Alexandra Lamy, Sergi Lopez

Quando arriva un neonato in una famiglia è sempre una sorpresa, tendenzialmente piacevole. Ma mai quanto quella della coppia protagonista di questo film all’arrivo del loro piccolo Ricky… Il piccolo, infatti, a pochi mesi dalla nascita e dall’allontanarsi del padre Paco (Sergi Lopez) dalla famiglia, comincia dimostrare di avere straordinarie doti sovrumane, che non possono essere tenute nascoste a lungo dai medici, dalla madre Katie (Alexandra Lamy) e dalla sorella maggiore. Quando il fantastico (più che altro come genere cinematografico) entra nel quotidiano.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.