BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LA PRIMA LINEA/ Il terrorismo di De Maria con Scamarcio e la Mezzogiorno e il difficile giudizio su anni mai del tutto tramontati

Pubblicazione:

primalineascenaR375_18nov09.jpg

Per il resto il film scorre veloce, il montaggio è fresco e agile, gli inserti storici tratti da filmati originali dell’epoca sono a dir poco struggenti e la ricostruzione storica quasi impeccabile. Sotto sotto viene la voglia di leggersi il libro su cui si basa la narrazione, e questo è sempre un buon segno. I due bellocci Scamarcio e Mezzogiorno non risultano sproporzionati a una parte che interpretano con tutti i sacri crismi. Tra parentesi: perché non si cita l’appartenenza al gruppo del Comandante Alberto ovvero Marco Donat Cattin? Restano i segni di un’evidente inferiorità europea, non solo italiana, rispetto a Oriente e USA, nella resa delle sequenze d’azione, in particolar modo delle sparatorie. Sebbene il navigato De Maria, reduce da 25 episodi di “Distretto di polizia”, ne esca assai più dignitosamente di molti altri suoi colleghi.

Per concludere, un film senza infamia e senza lode con alcuni spunti molto interessanti. Terrorismo tabù sdoganato? Magari. Sicuramente pellicole come questa rappresentano segnali positivi, ma la strada è ancora lunga e gli scontenti saranno ancora molti.  

 

(Ruggero Collodi)

 

VAI ALLA SCHEDA DEL FILM “LA PRIMA LINEA” E AL TRAILER, CLICCA SUL SIMBOLO “>>” QUI SOTTO



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >