BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ANNOZERO/ Santoro si improvvisa regista: la brutta fiction su Silvio e Veronica

Pubblicazione:

Santoro_MicheleR375.jpg

Michele Santoro ha fallito su tutti fronti: ha cercato di inscenare un’avvincente fiction sul caso Berlusconi-Lario, e gli è riuscito solo un brutto documentario sui luoghi del “delitto” (il ristorante della festa di Noemi Letizia) intervallato da una quanto mai sciatta recitazione di Monica Guerritore nei panni di Veronica Lario; ha pensato di mettere in allarme tutti per chissà quale scoppio di bombe mediatiche, avvisando un (presunto) preoccupatissimo Berlusconi che non avrebbe potuto interrompere lo show con una telefonata, e invece ha condotto una trasmissione stanca priva del benché minimo scoop; si è illuso di poter sbertucciare il presidente del Consiglio, e invece non è riuscito nemmeno ad evitare che la direttrice di Novella 2000 definisse il premier un «bell’uomo».

 

Fallito su tutti ma proprio tutti i fronti, Santoro si è dovuto persino sorbire scene patetiche, come la Bonino che inveisce contro la mercificazione del corpo femminile, lei che appartiene al gruppo che ha portato in Parlamento niente di meno che Cicciolina, che di mercato del corpo qualcosa dovrebbe saperne.

 

Dallo scoop al flop; Santoro voleva dimostrare che Berlusconi non può governare l’Italia, e voleva rendere evidente a tutti lo scandalo di una politica impostata come le selezioni di Miss Italia. Non ha ottenuto niente di tutto questo; e si dev’essere profondamente imbarazzato di fronte a una Barbara Palombelli che elogia addirittura la capacità di Berlusconi di aprire le porte della politica a chi mai avrebbe potuto sognarlo.

 

Insomma: alla fine si è dovuto accontentare delle critiche al premier mosse dalla direttrice dell’Unità, Concita Di Gregorio, e dal giullare della corte santoriana Marco Travaglio. Poca e scontata cosa rispetto alle “bombe” che aveva promesso agli spettatori. Persino Ghedini, che non è proprio il massimo della telegenica, non ha sfigurato in mezzo a questa brutta scenetta di un giovedì sera di mezza primavera.

 

 



© Riproduzione Riservata.