BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LUNA/ Quarant'anni dopo la magia è svanita. Almeno in Tv

Pubblicazione:

luna_R375.jpg

Anch’io ero davanti alla tv, quella notte. Ero a Milano, nella stessa casa dove abito ora, e che allora era di mia suocera. Ricordo che faceva un caldo infernale, e che ci sembrava di essere dentro un film di fantascienza.

 

Tito Stagno riempiva tutto lo schermo dello scatolone tv in bianco e nero con i suoi occhialoni spessi, e noi ci bevevamo tutte le informazioni tecniche sul Lem e sulle fasi di allunaggio.

 

Ho ritrovato ben poco di quelle emozioni nel programma dell’unica rete televisiva che si è occupata dell’evento, La7.

 

E mi spiace, perché in genere in queste cose La7 di solito si distingue. La scelta di usare spezzoni di film e di fiction sull’argomento non ha giovato per nulla al racconto, non c’era tensione drammatica, insomma mi è parso un compito scolastico degli allievi della scuola di cinematografia. Gli elementi c’erano tutti, ma la tensione no, quella mancava proprio. E così mi sono pure appisolato un po’. Per risvegliarmi vedendo un altro programma con spezzoni d’epoca e commenti di Arbore (ancora!), Magalli (ma perché?), Italo Moscati (assai meglio), Dacia Maraini (almeno lei allora era a Cape Canaveral).

 

Carina l’idea di far vedere spezzoni di film comici sullo sbarco, di Totò e Franchi e Ingrassia, giusto per spiegare l’impatto complessivo sulla società dell’evento, spettacolo incluso.

 

Nel complesso però è rimasta l’idea di quelle insalate russe comprate in salumeria, fatte con quella maionese modesta e insapore.

 

Peccato, una bella occasione persa. Una grande occasione persa soprattutto dalla Rai, che con tutto il patrimonio delle Teche avrebbe potuto fare un programmone…

 

Peccato, peccato, peccato. E così non resta altro da dire.



© Riproduzione Riservata.