BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MIA MADRE/ Riassunto prima puntata 14 novembre 2010 e anticipazioni ultima, 16 novembre: Uccio è morto, ma i drammi di Nunzia non sono finiti

Pubblicazione:

mia_madreR400.jpg

Mia madre, riassunto prima puntata 14 novembre 2010 e anticipazioni seconda e ultima, 16 novembre 2010 – A Cisternino, un piccolo paese della Puglia, la giovane e bella Nunzia (Bianca Guaccero) sposa Uccio (Marco Cocci), un giovane operaio dalla salute cagionevole e hanno tre bambini: Lucia, Giacomo e Giuseppe (il narratore). A causa di una forte tosse asmatica, Uccio non è più in grado di lavorare la terra, i capi non lo vogliono perché non rende sul lavoro a causa della salute, così, a malincuore, decide di trasferirsi a Torino a cercare lavoro in una fabbrica e lascia la moglie, che fa la cameriera in un ristorante, e i figli in Puglia. A prendersi cura di loro c’è il padre della giovane moglie. Un giorno Nunzia viene aggredita da due uomini, alcuni braccianti la salvano, ma la donna capisce che per lei non è più il caso di stare sola.

 

Il padre della donna prima di morire, chiede alla figlia di unirsi al marito a Torino e lei lo raggiunge con i tre bimbi. Ma a Torino la situazione non è semplice: gli operai della Fiat, fabbrica in cui lavora Uccio sono in contrasto con i proprietari dello stabilimento a causa del mancato rinnovo del contratto. Nunzia intanto cerca una casa da affittare, ma il marito è pessimista sulla possibilità di poter avere una casa. Alla fabbrica non tutti sono disposti a scioperare. I colleghi di Uccio se la prendono con Nunzia perché dicono che prima del suo arrivo l’uomo non era così scontroso e diffidente. La donna riesce ad affittare la nuova casa: i bimbi e il marito ne sono felicissimi. La famiglia di Tina, che aveva ospitato la famiglia di Nunzia, si sente tradita perché se ne sono andati e non vogliono che la figlia li riveda. I bimbi vengono presi in giro dai compagni e vanno in crisi. Continuano i problemi di Uccio alla Fiat, considerato krumiro e traditore perché non aveva scioperato per avere i soldi per l’affitto della casa.

 

Tina svela a Nunzia di essere fidanzata con Alberto e chiede alla donna di coprirla con i genitori per uscire con lui. Nuccia si rifiuta e Tina si offende. Tre uomini e seguono la giovane coppia: Alberto viene aggredito, Tina violentata e sa chi è stato: Nello, il titolare di una drogheria, proprietario della casa di Nunzia e Uccio.

 

CLICCA QUI >> PER CONTINUARE A LEGGERE ERA MIA MADRE, RIASUNTO PRIMA PUNTATSA E ANTICIPAZIONI ULTIMA, 16 NOVEMBRE 2010



  PAG. SUCC. >