BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

HARRY POTTER 7/ Un film non più per bambini dove il maghetto cerca la sua identità

Pubblicazione:

harry_potter_doni_della_morteR400.jpg

Di certo la Rowling ha scritto uno dei migliori libri per ragazzi in circolazione, una storia di formazione che affronta temi quali la ricerca della propria identità, il senso della morte, il rapporto tra destino e libero arbitrio, l’importanza della famiglia e dell’amicizia. Il legame profondo che lega il trio Harry-Ron-Hermione raggiunge il suo culmine e la sua crisi in questo settimo capitolo, dove non ci sono più le mura protettive della scuola a contenere gli scontri e gli incontri, né gli incantesimi di Madama Chips (l’infermiera che tutti vorremmo avere) a guarire le ferite.

I tre ragazzi devono lasciare il nido e volare da soli, come nel classico viaggio dell’eroe. Ron, l’eterno secondo, l’adolescente che ha sofferto il peso di avere davanti a sé molti e più brillanti fratelli e un amico più famoso di lui, fatica ad accettare il cambiamento e le scomodità della missione di Harry. Voldemort gli fa paura, le cure della premurosa mamma gli mancano, è geloso di Harry e del suo rapporto con Hermione.

Dal canto suo, Hermione non è più la “so-tutto-io” di un tempo, ma una strega brillante, tosta e assai graziosa, che non abbandona mai Harry ed è la vera mente del gruppo: il settimo film comincia proprio con lei, che trova il coraggio di far dimenticare ai propri genitori di avere una figlia per allontanarli e proteggerli dal pericolo.

Per girare l’epilogo di Harry Potter ci sono voluti 280 giorni di riprese (nei Leavensden Studios appena fuori Londra, trasformati in una vera e propria scuola di magia) e il risultato è indubbiamente spettacolare. Gli effetti speciali non si contano, tra scene di volo e trasformazione dei personaggi, ma si sente la mancanza di Hogwarts con i suoi passaggi segreti, i volumi polverosi, i dormitori e tutte le meraviglie del castello incantato.



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >