BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ANNOZERO/ Ruby da Santoro per raccontare la sua verità nella puntata del 4 novembre 2010?

Pubblicazione:

SantoroR400.jpg

Secondo quanto dichiarato a Libero dalla stessa Ruby, la giovane marocchina desidera andare in tv per raccontare la sua verità circa i fatti di cui è protagonista. La ragazza vorrebbe dimostrare, davanti alle telecamere di Michele Santoro, che è una giovane come tante altre, che desidera nient’altro che una vita normale e che vorrebbe togliersi di dosso un immagine che non le appartiene.

 

Se Ruby dovesse effettivamente essere ospite ad Annozero si prospetta un’audience altissima come quando fu presente Patrizia D’Addario? Attualmente dal sito ufficiale del programma non risultano anticipazioni della prossima puntata del talk di Michele Santoro e nulla sull’ipotetica partecipazione di Ruby.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
02/11/2010 - ruby e le altre (maria schepis)

Altra serata,altro scivolone del premier e di nuovo tutti i giornali e tutte le televioni ad offrire a queste martiri del post femminismo la ribalta.La moralità di Berlusconi è zero ed altrettanto la sua furbizia .Le "signorine" in verità mi sembrano molto scaltre e tutti i media dilatano notizie censurabili per il degrado che trasmettono, in questo caso l'eroe Sant'Oro pensa solo a triturare auditel,permettendo ad una ex minorenne di raccontare la "sua verità".Che il governo sia al guado non ci piove,che non sapremmo chi votare è un'altra terribile verità,ma trovo immorale e dannosa per la nostra "povera patria"continuare a vomitare il marcio dei nostri leader(si fa per dire!).E' ora che Berlusconi vada a casa?troviamo un pretesto politico e finiamola,c'è un giro di prostituzione ,anche minorile?motivo gravissimo,sfiduciamolo,senza patteggiamenti nascosti però:-Io do la casa a te tu dai la fiducia a me. Siccome i peccatori sono tanti, facciamo i nomi di tuttianche di quelli della lista dei trans,nomi caduti in dimenticatoio.Poi diciamo ai direttori di testate giornalistiche e televisive,che non sono "la voce del padrone" ma che i media dovrebbero fare opinione non tramutare infelici da strada in eroi di reality nostrani.