BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FLASHDANCE/ Il musical anni ’80 in cui trionfa la voglia di riscatto

Pubblicazione:

flashdance_musicalR400.jpg

Un vortice di cambi di scena velocissimi ci portano di volta nel grigiore dell'acciaieria, nel caotico monolocale di Alex, nell'atmosfera vagamente kitsch del camerino del night Charlie's... Impossibile elencare tutti gli scenari in cui si muove un cast davvero eccezionale (diretto da Francesco Bellone) che dà il meglio di sé nelle coreografie di gruppo divertenti e coloratissime tra le vie di Pittsburgh, un vero campionario di fauna locale dell'America degli eighties, in cui non può mancare uno snodato poliziotto che balla la breakdance insieme a una ragazza punk.

I testi delle canzoni che compongono la pluripremiata colonna sonora (vincitrice nel 1984 di un Oscar e due Golden Globe e per mesi in cima alle classifiche radiofoniche) sono stati tradotti da Franco Travaglio. Il motivo di questa scelta artistica – come per Mamma Mia!, piuttosto rischiosa ma efficace – è la volontà di far comprendere a tutti gli snodi fondamentali della vicenda e le sfaccettature caratteriali dei protagonisti.

Le traduzioni martellano sul concetto di “chance”: tutti i personaggi infatti, dall'ultimo degli operai agli amici di Alex, Gloria e Jimmy, chiedono una possibilità di riscatto, che sia per un nuovo lavoro o per una carriera artistica che, se vieni dai bassifondi, non è facile centrare. Ma non è vero che lo scopo giustifica i mezzi, e se scegli la via più facile, a volte ti porta dritto all'inferno: succede a Gloria (Giada D'Auria, stupenda voce rock, in un inaspettato omaggio a Umberto Tozzi all'inizio del secondo atto), che vende anima e corpo al losco Kool e si ritrova spogliarellista in mezzo alle Devils; e succede a Jimmy (Massimiliano Pironti), che uccide in una rapina la madre di Alex preso dalla disperazione e dal bisogno di denaro. Non accetterà invece nessuna scorciatoia la determinatissima protagonista, né per sé ne per gli altri; e così salverà Gloria e supererà ogni pregiudizio, soprattutto i suoi, per amare Nick e per affrontare la giuria dell'Academy. Perchè i sogni non sono fatti per stare chiusi in un cassetto: take your passion, and make it happen!


Tutte le informazioni sulle date del tour, che dopo Milano toccherà i teatri di Trieste, Firenze, Padova, Torino, Napoli, Bologna, Bari e si concluderà a Roma il 22 maggio 2011, le potete trovare sul sito www.flashdanceilmusical.it.

(Camilla Mereghetti)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.