BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LE COSE CHE RESTANO/ Riassunto terza puntata 22 dicembre e anticipazioni ultima puntata 29 dicembre 2010

Pubblicazione:

lecosecherestano_castR400.jpg

LE COSE CHE RESTANO - Riassunto terza puntata 22 dicembre e anticipazioni ultima puntata 29 dicembre 2010 - Manca ormai poco per scoprire come finirà la fiction di Raiuno Le cose che restano. Ma prima di scoprire le anticipazioni sull’ultima puntata, vediamo nel riassunto cosa è successo nella terza.

Michel va a vivere a casa di Andrea con la piccola Lila. In casa Giordani sembra tornare un clima sereno e allegro, anche perché in attesa di sapere se riceverà asilo politico, Shaba ottiene un posto di lavoro come infermiera. Sua figlia Alina, invece, vive a casa di Cataldo, sotto protezione, in attesa di testimoniare contro l’organizzazione che gestiva il traffico di droga e prostituzione responsabile della morte della sua amica Elena. Nino intanto continua a vivere la sua storia clandestina con Francesca, anche se è morso dai sensi di colpa in quanto il marito è il suo professore e amico.

Tutto sembra andare per il meglio, finché la richiesta di asilo di Shaba viene respinta. A questo punto Alina chiede a Cataldo di avere un permesso di soggiorno anche per sua madre in cambio della sua testimonianza. Il poliziotto le fa però capire di non poterle garantire tanto, ma nel frattempo fa in modo che Shaba, preoccupata dalla mancanza di notizie sulla figlia, venga a sapere che sta bene. Alina decide però di fuggire e giunge fino in stazione per partire con un treno. Alla fine ci ripensa e si presenta in commissariato da Caltaldo che già la stava cercando. Lì Andrea spiega alla ragazza che il poliziotto si è innamorato di lei e farà di tutto per ottenere il permesso di soggiorno per la madre.

Nino decide invece di andare a trovare la madre che gli spiega di avere una corrispondenza via mail con Lorenzo che si troverebbe in viaggio con degli amici all’estero. Incredulo, Nino vede effettivamente le mail, che sono però firmate “Lorenzo il magnifico”. Convince poi la madre ad andare fuori a pranzo, dato che è dato molto che lei non esce dalla struttura in cui si trova, e cerca di convincerla che Lorenzo non può averle scritto veramente, dato che è morto. La donna a queste parole ha però un malore e sviene. Nino comincia a chiedersi chi può aver mandato quelle mail alla madre.

 

PER CONTINUARE IL RIASSUNTO E LEGGERE LE ANTICIPAZIONI DE LE COSE CHE RESTANO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO



  PAG. SUCC. >