BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SHUTTER ISLAND/ Un film senza tregua che intreccia narrazione e dubbi: merita di essere visto

Pubblicazione:

shutter-island-dicaprio_R375.jpg

Fantasmi e orrori del passato rivivono nel presente in una dimensione che trasforma i sogni in incubi. È il 1954 e siamo nel mezzo dell’Oceano a largo di Boston, a Shutter Island, dove da un penitenziario per criminali pazzi è scappata una detenuta colpevole di aver ucciso i suoi tre bambini. Scomparsa, svanita nel nulla di celle in cui i minuti non hanno valore. Qui conta solo la guarigione. Ammesso che sia possibile. Perché, come si domanda l’agente federale Teddy Daniels (Leonardo Di Caprio), giunto sin qui con il suo socio per indagare sull’accaduto, è meglio vivere da criminali o morire da uomini per bene?

 

Una domanda che spiazza, che ribalta completamente le certezze – di per sé già piuttosto deboli - conquistate dopo 138 minuti di film. Già solo per questo la pellicola merita di essere vista. Scorsese, inoltre, è bravo nel costruire la trama, semplice, ma pronta a complicarsi nella sovrapposizione tra la realtà vera e quella immaginata. Molto preciso, il regista, nel far sì che tutti i sempre più complessi elementi dell’intreccio alla fine della storia abbiano un significato.

 

Nulla si perde, ma tutto si spiega. Sublime nel farci credere fino in fondo a quanto vediamo. Non c’è un secondo nel film in cui sorga un dubbio sulla veridicità di quello che scorre sullo schermo. Solo alla fine le proprie certezze crollano. Altrettanto impeccabile, Scorsese, nel creare tensione ed alimentarla sino alla fine attraverso il ritmo, incessante, che insieme alla trama - una vera lotta verso la salvezza corsa nel labirinto del penitenziario - ci tiene con il fiato sospeso.

 

Un intreccio che non lascia tregua, ogni scena è la conferma di quella precedente ma allo stesso tempo ne è anche un’atroce smentita. A chi credere? Al direttore dell’Istituto, all’agente Daniels o ai “pazzi” che lui interroga per scoprire come è scappata la detenuta Rachel?

 

CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO PER PROSEGUIRE LA LETTURA DELL'ARTICOLO SU SHUTTER ISLAND



  PAG. SUCC. >