BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

L’INCANTEVOLE CREAMY/ La maghetta cantante che entrò nei sogni delle bambine

Pubblicazione:

creamyR375_05mar10.jpg

Avete mai desiderato di avere una maglietta che esprima la vostra personalità? Magari l’avete anche sognata, ma non sapevate come realizzarla. C’è chi ha riesumato dagli anni Ottanta quelle di marche ormai scomparse, per dire al mondo «sono ancora giovanile», c’è chi ha trovato in cantina quelle con il logo dello “smile” giallo, ma le tarme ormai le avevano mangiate, c’è chi poi se le stampa da sé, ma con scarsi risultati.

 

Una ditta giapponese, la “Quolomo” ha fatto di più! Ha preso la maghetta più famosa dei cartoni animati e ha creato una linea di abbigliamento per nostalgici dalla doppia personalità! Come la nostra protagonista: “L’incantevole Creamy”, nata nel 1983 dal pennello di Akemi Takada e dalla fantasia dei registi Osamu Kobayashi e Tomomi Mochizuki.

 

L’Idol più famosa degli anime nipponici è tornata in auge con l’anniversario della sua casa di produzione, il famoso Studio Pierrot, fondato nel 1979 e creatore anche di Naruto, Lamù e della Magica Emi.

 

Il termine Idol in Giappone indica quello che da noi in Italia potrebbe essere l’anello di congiunzione fra una velina e una cantante pop per teenager. Ovvero una ragazzina che ammicca con il microfono, miete straordinari successi e scompare rapidamente come una stella cadente.

 

Ed è proprio una stella cadente che Yu Morisawa crede in un primo istante di avere visto apparire nel cielo. Per poi accorgersi che si trattava di un’arca. Ma che ci fa un’arca in cielo? Meglio seguirla, no? Così cominciano le avventure di Yu, bambina di dieci anni con i capelli blu.

 

 

Un’intera generazione di ragazzine è cresciuta sognando di incontrare Pinopino, l’alieno che aveva donato alla piccola Yu il potere di trasformarsi nella giovane e meravigliosa Creamy! Ricordo anche che quando ero piccolo tutti i gatti dei miei amici si chiamavano Posi o Nega, proprio come quelli che accompagnavano Creamy nelle sue avventure.

 

Creamy entra nel mondo dello spettacolo per puro caso, ed è questo il tema portante della serie, ma anche la magia e i miti giapponesi giocano un ruolo di grande importanza. La doppia vita di Yu la porta a scelte difficili, a dover mentire spesso ai genitori e agli amici, facendola però maturare puntata dopo puntata.

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO SU L'INCANTEVOLE CREAMY, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO



  PAG. SUCC. >