BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RIS ROMA/ Fabio Tagliavia (regista): “Ris si ispira alle serie americane, ma rispecchia la nostra società”

Pubblicazione:

La protagonista di Ris Roma, Euridice Axen  La protagonista di Ris Roma, Euridice Axen

Hai firmato anche la regia di un film per il cinema, Cardiofitness. Ci parli delle differenze tra la regia per la tv e quella per il cinema?

In televisione i ritmi sono molto più serrati, bisogna pensare e agire alla velocità della luce, c’è molto meno tempo per strutturare la scena. Quest’anno poi con RIS le settimane di riprese si sono accorciate ulteriormente e quindi quando si dirige un prodotto del genere bisogna dedicarsi al progetto totalmente, anima e corpo. Per certi versi è più difficile lavorare per la tv che non per il cinema.

 

Quando hai capito che volevi fare il regista? Qual è stato il momento cruciale della tua carriera?

Ho studiato storia e critica del cinema all’università di Torino e a metà degli anni ’90 ho avuto la possibilità di fare un po’ di gavetta sui set di vari film che si giravano nella mia città, all’epoca stava nascendo la Torino Film Commission. Quindi ho incominciato guidando il camper dove stavano gli attori, sul set de La seconda volta di Mimmo Calopresti. Poi ho ricoperto ruoli di produzione per arrivare all’aiuto regia. E infine mi è stata proposta la regia del film Cardiofitness e da lì sono arrivato a RIS.

Ma uno dei momenti più importanti è stato quando ho diretto il mio primo cortometraggio, perché fino a quando non giri un prodotto tuo, non ti metti in gioco in prima persona scegliendo le inquadrature, dirigendo gli attori e il montaggio, non puoi sapere se sarai in grado di farlo.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
02/04/2010 - No, era meglio una cosa nuova! (M.Rita Bianco)

Con pochi mezzi, inutile tentare un minestrone con solo cipolle e rape! E' penoso! Il nuovo commissario é penoso, il contorno é penoso, la "trama" é penosa! Io lo vedo durante la pubblicità e il volto della giapponese mi angoscia, fissa come fisse sono le smorfie del ricciolino... RIS? Perché non chiamarlo Pluf? Altro che spin off!!!