BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SIMON KONIANSKY/ Il Road-Movie sulle tracce della memoria

Pubblicazione:

Simon_KoniaskiR375.jpg

Con la salma, il figlio e i due anziani zii inizia un pellegrinaggio sulle tracce di chi fosse il padre e dei motivi della sua scelta. Un viaggio a ritroso che in realtà vede in gioco i fondamenti del presente di Simon e la solidità del rapporto con suo figlio. Tra riunioni famigliari di ottuagenari ebrei ucraini e dolorose scelte da prendere, Simon diventa più uomo, ripartendo dal se stesso che aveva censurato e riprendendo in mano la sua vita.

 

Un cambiamento tratteggiato con lieve delicatezza, fin nelle pieghe del linguaggio yiddish che affiora teneramente alle labbra del giovane padre.  Sul percorso dell’auto malmessa e dei quattro scalcinati pellegrini nevicano incidenti e tensioni, sino al carico di una gigantesca lapide in marmo, sesto passeggero che incoronerà il gesto.

 

Ma la vis comica del film riposa, ancor più che sulle gag, sulla costruzione impeccabile dei personaggi. Gli sprazi grotteschi con cui viene affrontata l’intimità disperata di Simon, le gelose proiezioni sui tradimenti della moglie, divertono e avvicinano il protagonista alla tenera comprensione dello spettatore.

 

 

 PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO

 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >