BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SOCIETA'/ Belen Rodriguez: Il matrimonio non ha più senso. Avrà ragione lei?

Pubblicazione:

BelenRodriguezR375_13mar09.jpg

PER BELEN IL MATRIMONIO NON HA PIU' ALCUN VALORE - «Il matrimonio ormai è un contratto, divisione dei beni e robe varie». Lo ha detto Belen Rodriguez intervistata a Mattino cinque da Federica Panicucci. Vedere per credere. Il video di Belen Rodriguez sarà presto disponibile sul sito del biscione. L'argomento era Fabrizio Corona. E il loro, eventuale matrimonio. Che probabilmente, non avverrà mai. Perché per Belen,«non ha più il valore che aveva una volta quando la sposa arrivava all'altare vergine. Adesso è tutto diverso». Che dire? Che ha ragione. Intendiamoci. La sostanza del matrimonio non si è certo modificata nel tempo. Il giudizio comune sull’istituto matrimoniale, invece, sì. Si è perduta la stima della sua preziosità per il proprio realizzarsi. E per l’assicurazione del bene comune. Non si può certo dire, infatti, che Belen sia animata da furori laicisti. Anzi. Nel pronunciarsi contro il matrimonio ha un fare disincantato e triste. Come chi constata un’amara realtà alla quale, in fondo, non crede. Ma a cui non può far nulla per non crederci. Le parole di Belen, crediamo, non nascono da un ragionamento. Ma dal respirare la mentalità corrente. In cui scientemente, è stata instillata l’idea che il matrimonio sia un istituto desueto.

 

Leggi anche; SOCIETA'/ La sentenza della Corte che ha difeso la parola "matrimonio", V. Tondi della Mura

 

Eppure, rispetto all’alba dei tempi, non è che le cose siano cambiate più di tanto. Un uomo e una donna sono messi insieme dal destino. Si vogliono bene. E decidono di sposarsi. Di trascorrere insieme il resto della vita. Perché in quell’atto, consiste il loro realizzarsi. Lo sanno. Sanno che questo è vero per loro. E che, al contempo, in quel "contratto", persiste una valenza sociale -pubblica - decisiva. Certo, uno può pensare che il compimento di sé vada in senso opposto. Nel libertinaggio estremo, magari. Nell’assenza totale di legami, nel saltare - finché l’età lo consente - di palo in frasca. O nell’avere, sì, dei legami stabili. Ma ponendo a questi dei limiti di tempo. Una volta stufi, si passa ad altri “legami stabili”.

 

Leggi anche: IL CASO/ L’ultima follia della Corte europea: "abolire" la paternità e la maternità

 


PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO



  PAG. SUCC. >