BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BORIS 3/ Quella Situation Commedy politicamente scorretta disprezzata dai fautori (snob) delle fiction

Pubblicazione:

boris3_pesceR375.jpg

Iniziato sotto l’egida della qualità, il nuovo lavoro del regista Renè Ferretti (Medical dimension, spin-off politically uncorrect della soap Gli occhi del cuore) si scopre essere piano piano una trappola della rete per far affossare definitivamente nella critica e negli spettatori l’idea che una fiction di qualità in Italia sia possibile. Il buon Ferretti allora riprende in mano le redini del progetto e trasforma il raffinato medical-drama nella terza serie della soap che lo ha reso celebre.

 

Boris 3 è stato criticato da molti. Arrivata alla sua terza stagione, la serie italiana che in rete è diventata un vero culto (ma che fatica a palesarsi nella tv generalista) ha ricevuto parecchie stoccate da chi l’ha trovata meno divertente, meno incisiva, meno qualcosa. Forse la serie non ha raggiunto ancora la sua perfezione, forse qualche incidente sul difficile percorso dell’originalità effettivamente c’è stato, forse, ma Boris 3 stupisce nuovamente per la sua capacità di leggere, criticare e ironizzare sulla fiction italiana e, di conseguenza, anche sul suo pubblico e sulla società italiana.


Per approfondire il tema, gli sceneggiatori della serie hanno spostato l’attenzione dall’impacciato stagista Alessandro, a Renè Ferretti, regista talentuoso catturato dalle spire della banalità televisiva da cui non riesce a liberarsi. Boris 3 è tutto di Renè, tutto sulla sua storia e sulla sua vicenda professionale che diventa modello per riflettere sui meccanismi televisivi.

 

Gli altri personaggi non sono però oscurati e riescono a ritagliarsi i loro spazi, dal divo italiano (ma che vuole essere americano) Stanis LaRochelle, alla umile Fabiana, figlia di Renè e attrice di talento sottovalutata dalla produzione, per non dimenticarsi poi dell’impossibile storia d’amore tra Alessandro (lo stagista) e Arianna (l’aiuto regista) che, partendo dal conflitto su Berlusconi (i due si scoprono di opposte fazioni politiche), si risolve in maniera originale e autentica.

 

Leggi anche: CARTOONS ON THE BAY 2010/ I cartoni animati, tra moderne tecnologie e vecchie conoscenze, di I. Provenzi

 

Leggi anche: L'UOMO NELL'OMBRA/ Il thriller politico su quell'ex premier che ci ricorda tanto Tony Blair, di B. Musicco

 

PER CONTINUARE  A LEGGERE L’ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO



  PAG. SUCC. >