BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LADY OSCAR/ L’eroina femminista che si riscopre donna grazie all’amore

Pubblicazione:

Lady_OscarR375.jpg

E fu così che il mito di Madamigella Oscar varcò gli oceani e diventò un simbolo per tutti. Quante volte l’ho citata nelle interrogazioni di storia. In Giappone “La rosa di Versailles” è diventata anche una piece teatrale, allestita nella forma del Takarazuka, ovvero recitata e cantata da sole donne.

 

GUARDA UNO SPEZZONE

DEL TAKARAZUKA SU LADY OSCAR

 

 

Esiste anche una versione cinematografica, edita in Italia da Yamato video, prodotta nel 1979. Diretto dal regista francese Jacques Demy, il film vede protagonista nel ruolo di Oscar Catriona MacColl, famosa in Italia per aver recitato nelle pellicole di Lucio Fulci. Lo stesso personaggio è interpretato da bambina da una giovanissima Patsy Kensit, la cantante degli Eighth Wonder.

 

GUARDA UNO SPEZZONE

DEL FILM SU LADY OSCAR

 

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO SU LADY OSCAR CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >


COMMENTI
03/05/2010 - una breve scaramuccia (antonella bellecca)

Nell'articolo si parla delle accuse a Maria Antonietta di libertinaggio; per la cronaca, erano completamente inventate. Né era più spendacciona di qualsiasi nobile. E non ci fu una battaglia per la presa della Bastiglia: dopo una breve scaramuccia con pochissimi morti il comandante consegnò pacificamente la fortezza; dopo la resa, lui e tutti i soldati (anziani, veterani di vecchie guerre) furono uccisi a sangue freddo e la sua testa fu messa su una picca.

 
01/05/2010 - 30 anni dopo (Gabriella Andreatta)

Da piccola impazzivo per questo cartone animato, esteticamente il più bello che abbia mai visto, tanto da aver comprato le figurine Panini, ma non sono riuscita a completare l'album. Da grande l'ho rivisto con occhi diversi... ed ho impedito a mia figlia di vederlo. Troppe tematiche da adulti e non così nascoste come dice l'articolo (ha dimenticato di citare il viscido cardinale di Rohan). Trent'anni dopo i personaggi mi appaiono diversi, soprattutto il conte svedese, bello e inconsistente come un mobile Ikea, e Alain, l'amico di Andrè, spalle larghe e cuore d'oro. Adesso anche capisco perchè all'epoca i francesi si erano arrabbiati per questo cartone, dato che il personaggio di Maria Antonietta si discosta in parte dall'iconografia imposta dai libri di storia.