BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GREEN ZONE/ Quel racconto efficace e un po’ scontato sugli intrighi della guerra irachena

Pubblicazione:

greenzoneR375.jpg

Iraq, primavera 2003. Il capitano Roy Miller guida una delle squadre incaricate di rintracciare le armi di distruzione di massa che sono state il principale casus belli per l’attacco degli americani e dei loro alleati nel paese del Golfo. Dopo diverse operazioni andate a vuoto Miller, su segnalazione di un civile iracheno, si imbatte in una riunione segreta di alcuni ex pezzi grossi del regime, gli stessi a cui stanno dando la caccia sia la CIA che l’intelligence che dipende direttamente dal Governo.


È così che Miller comincia a sospettare che ci sia qualcosa di poco chiaro nei rapporti che gli sono stati forniti e decide di andare a fondo alla questione. Ma c’è qualcuno che non ha nessun interesse che la verità venga scoperta…


Reduci dalla felice esperienza comune di due episodi della trilogia di Bourne, Greengrass e Damon si ritrovano sullo schermo per raccontare una vicenda di intrighi internazionali e verità nascoste questa volta tragicamente autentica. Attraverso gli occhi di un soldato convinto della necessità del suo “sporco lavoro” e lo sguardo nervoso della macchina da presa di Greengrass, lo spettatore viene guidato nelle pieghe degli interessi (e delle menzogne) che accompagnarono l’inizio della seconda guerra in Iraq.


La connivenza (o per lo meno l’ingenuità colpevole) dei giornalisti assetati di scoop, che assecondarono le forzature di chi spingeva per l’intervento armato mettendo da parte le vie diplomatiche, è un aspetto interessante di un film in cui per una volta nemmeno la CIA ha il ruolo del “cattivo”.

 

Leggi anche: LA CITTA’ VERRA’ DISTRUTTA ALL’ALBA/ Azione e tensione, ma perché si rinuncia a capire che rapporto c'è tra individuo e società?

 

Leggi anche: FANTASTIC MR. FOX/ Va in scena la fiaba che, come Esopo, parla a grandi e piccini, di B. Musicco

 

PER CONTINUARE A LEGGGERE L’ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO



  PAG. SUCC. >