BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DRAGON BALL/ La saga di Goku e dei Sayan che ha spazzato via Beautiful con un’onda energetica

Pubblicazione:

Dragon_BallR375.jpg

Siete mai stati a capo di una rivolta di massa? A me è successo. Esattamente dieci anni fa. Mia madre ci obbligava a guardare “Beautiful”, sognando di indossare un capo Forrester. Dopo pranzo sentivo Stephanie infierire su Brooke, vedevo Ridge tradire la moglie di turno e scoprivo ogni volta nuovi torbidi segreti della famiglia più fashion della televisione.

 

Se siete fra quelli che criticano i cartoni per i loro “buchi” di sceneggiatura, allora non avete visto “Beautiful”: ci sono bambini che crescono come bachi da seta e diventano adulti in due puntate, intrecciando con i parenti relazioni che farebbero urlare all’incesto il Moige.

 

Poi per fortuna l’arrivo di Dragon Ball su Italia Uno ha salvato la mia vita. Per anni i Saiyan hanno eliminato con un’onda energetica il supplizio delle telenovelas in casa mia. Akira Toriyama è il padre di Dragon Ball, uno dei cartoni animati giapponesi più famosi e trasmessi al mondo dai tempi di Sailor Moon: tre lunghissime serie prodotte - Dragon Ball 153 episodi, Dragon Ball Z con ben 291 episodi e infine Dragon Ball Gt con solo 64 -, una ventina di film e un operazione di marketing planetaria.

 

Dragon Ball è la classica storia del bene contro il male, dove la violenza, anche se a volte gratuita, è un mezzo per portare la pace nel mondo. Non si usano armi di distruzione di massa, ma gli scontri sono solo fisici e mentali.

 

Goku è il protagonista assoluto. Alieno dall’anima gentile, proveniente dal pianeta Vegeta, viene spedito sulla Terra per conquistarla, ma per via di un incidente che gli fa perdere momentaneamente la memoria, non ricorda più il suo compito. Adottato da un anziano, incontrerà nella sua vita una miriade di personaggi.

 

Fulcro del cartone animato sono i leggendari incontri di arti marziali, soprattutto nella prima serie.

Altro elemento caratteristico della saga è la caccia alle famose sfere: 7 palle arancioni che possono richiamare un enorme dragone pronto a esaudire qualsiasi desiderio. Il problema però è trovarle.

 

Goku s’imbatterà nella sua vita con mostri, nanetti disgustosi, robot antropomorfi, ragazzine svenevoli e parenti agguerriti. In una puntata incontrerà persino la simpatica Arale, altro personaggio famoso nato dalla fantasia di Akira Toriyama.

 

GUARDA LA SIGLA

DELLA PRIMA SERIE

DI DRAGON BALL

 

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SU DRAGON BALL CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO



  PAG. SUCC. >