BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TV AUTUNNO 2010/ 1. Grande Fratello 11, I Cesaroni 4, Le Iene e le novità di Canale 5 e Italia 1

Pubblicazione:

Foto Imagoeconomica  Foto Imagoeconomica

Dopo settimane di indiscrezioni, sussurri e grida, finalmente, i palinsesti delle reti Mediaset per l’autunno 2010 hanno preso forma e consistenza almeno nei loro ingredienti fondamentali. Sapori diversi, toni speziati o rassicuranti, personaggi nuovi e star famose: come al solito a costruire l’offerta complessiva contribuiscono tanti ingredienti. Ma quali sono, almeno per sommi capi, i punti focali di questa offerta editoriale?

 

Una premessa, anzitutto: non si parla più di sole tre reti, ma di un vero e proprio sistema multimediale: accanto a Canale5, Italia1 e Rete4, spuntano i nuovi canali free: l’elegante Iris, Boing, rete leader sul pubblico dei più piccoli, e la neonata La5. Per non parlare poi del mondo Premium, di internet, delle attività estere (da Telecinco a Quatro, fino a Digital plus). E come dimenticare poi le fabbriche di contenuto? E mi riferisco ad aziende del calibro di Endemol, Taodue, Mediavivere, Medusa e Ares. Ma, qui, per esigenze di spazio, ci limitiamo alle tre generaliste.

 

Ricco e variegato il palinsesto di Canale5, costruito con tanto intrattenimento e tanta fiction. Continuità e tradizione di successo sono le chiavi dell’offerta delle produzioni: dall’ormai ever green C’è posta per te di Maria De filippi, al Grande Fratello, condotto anche in questa edizione da Alessia Marcuzzi; da Chi ha incastrato Peter Pan? del pifferaio magico Paolo Bonolis a Io canto, gara canora di giovani e superdotati mini artisti condotta da Gerry Scotti. Grandi personaggi e tanti generi: dal reality puro a quello contaminato, fino al varietà.

 

Conferme e novità nel mondo della fiction: ritorna Distretto di polizia alla decima stagione, come pure tornano I Cesaroni con novità di formato (anziché i classici 100 minuti, il formato previsto sarà di 70 per poterne prolungare la programmazione), e con pure importanti novità nella storia. E poi una infilata di prodotti che mira diritto al pubblico femminile: da Il peccato e la vergogna (Garko, Arcuri) a Due mamme di troppo fino a Le due facce dell’amore (adattamento italiano di un grosso successo mondiale “Sin tetas no hay paraiso”).

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO



  PAG. SUCC. >