BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

QUALUNQUEMENTE/ Il film "mediatico" di Cetto La Qualunque dove la risata diventa amara

Pubblicazione:

Una scena del film Qualunquemente (Foto Ansa)  Una scena del film Qualunquemente (Foto Ansa)

Volgare, ignorante, arrogante, corrotto e corruttore, amante delle forme femminili e nemico della legalità: è Cetto La Qualunque, imprenditore calabrese sceso in politica. Nato dalla mente del comico Antonio Albanese ben otto anni fa, il personaggio ha conosciuto un inarrestabile e sempre maggiore successo: dal programma Non c'è problema, passando per Mai dire domenica fino a Che tempo che fa, il calabrese senza sogni, ma amante del “pilu” ha conquistato una solida e fedele schiera di fan.

 

Il passaggio dal piccolo al grande schermo è stato quindi un passo naturale: al cinema attraverso Qualunquemente abbiamo così l'opportunità di conoscere Cetto prima dei successi elettorali. Scopriamo infatti che al suo ritorno da “un soggiorno” forzato in Sud America, La Qualunque si trova di fronte a un dramma: come candidato sindaco della sua città c'è De Santis, un uomo onesto e rispettoso della legge. Per evitare questa pericolosa ondata di legalità, Cetto si candida a sua volta: con l'aiuto della sua poco raccomandabile banda di amici e di un misterioso stratega pugliese naturalizzato milanese (Sergio Rubini), La Qualunque intraprende la sua sincopata e totalizzante campagna elettorale.

 

L'uscita dell'ultimo film di Antonio Albanese è diventata un evento: attesissimo dai fan, lanciato con una campagna pubblicitaria originale e insolita per il panorama distributivo italiano (da mesi finti poster elettorali con slogan creati ad hoc campeggiano per le città italiane e sulla rete), il film ha saputo attirare su di sé un interesse mediatico incredibile. Aiutato anche dai fatti di cronaca attuali, Qualunquemente ha nel tempo cambiato forma, passando da film comico, scritto e prodotto per ridere a denti stretti, a una sorta di pellicola manifesto, politica e con aura di messianicità. Tantissima carne al fuoco dunque, forse troppa, per un solo film.



  PAG. SUCC. >