BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CAMILA RAZNOVICH/ In libreria e in tv, ma contratto in scadenza con la Rai. La conduttrice: potrei anche andarmene

Pubblicazione:

Camila Raznovich (Foto Ansa)  Camila Raznovich (Foto Ansa)

Camila Raznovich è passata da Mtv alla Rai e, oltre a vederla in libreria con il suo nuovo libro tra ironia e disavventure “M’ammazza”, scritto in soli cinque mesi, sarà in televisione con le nuove puntate del suo programma “Amore Criminale”. Il contratto con viale Mazzini è in scadenza e lei non esclude nessuna possibilità di trasferimento verso qualche altra emittente. In un’intervista rilasciata a “Il Tempo”, infatti, alla domanda se anche lei deciderà di cambiare direzione, la conduttrice ha risposto: «Non si può mai dire. Vediamo come controbatterà la Rai. L'importante è che ci sia una visione di crescita. Non vado dove guadagno di più o dove c'è il progetto più fico ma dove si può crescere». Il nuovo programma parte il 22 ottobre, e la Raznovich promette «emozioni forti e storie scioccanti». Poi si parla della maternità e delle sensazioni che si provano ad avere un figlio: «Averlo, ti ritrovi con un pupo in casa. – commenta la Raznovich - È un'altra vita. Poi diventi un essere umano adulto e smetti di essere figlia per forza. Improvvisamente ti rendi conto che devi farcela da sola. I capricci svaniscono, devi essere presente e disponibile per una persona che non ha chiesto di venire al mondo». Eppure anche la conduttrice ammette che non è facile coniugare i tanti impegni lavorativi con una così grande responsabilità: «Se sei una donna che lavora, impegnata, non è facilissimo inserire un elemento rivoluzionario. Non sono "dettagli" e io ci ho messo un po' di mesi ad accettare una situazione nuova. Da un punto di vista emotivo non ho avuto problemi ma da un punto di vista pratico è stata una guerra. Ci sono problemi legati proprio alla praticità della vita e uno si deve dimenticare tutti i comfort, i viaggi... Ma sono certa che queste cose torneranno». La Raznovich ha anche sofferto di depressione post partum e nell’intervista per Il Tempo spiega come superarla: «Ammettendola. Dicendo: "Io sto soffrendo di depressione post parto, sono persa". Io ero molto arrabbiata, ho litigato con tutti. Non sono andata in terapia ma avevo un network di persone che hanno lavorato insieme a me. E poi passa: è una tempesta ormonale».



  PAG. SUCC. >