BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL GENERALE DELLA ROVERE/ Riassunto ultima (seconda) puntata 10 ottobre 2011: il finale da eroe di Favino

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Piefrancesco Favino  Piefrancesco Favino

Da Muller, intanto, si presenta una Contessa, la vera moglie del Generale della Rovere, che vorrebbe rivedere per l’ultima volta il marito, dato che non sa che in realtà è stato ucciso al suo sbarco in Liguria. Il Colonnello riesce a convincerla che ciò turberebbe l’uomo e le concede solo di scrivergli una lettera.

Ada e Olga raggiungono nel frattempo Milano e davanti al carcere urlano il nome di Giovanni. Bertone, approfittando delle sirene che avvisano la popolazione dei bombardamenti, urla loro di andarsene via. Sotto le esplosioni delle bombe, Bertone tiene un trascinante e patriottico discorso ai prigionieri, mentre Ada e Olga trovano un rifugio sicuro. L’indomani Bertone riceve un bigliettino da Bacchelli che viene però scoperto dagli uomini di Franz. Il Colonnello fa picchiare e torturare l’uomo e poi lo porta nella cella di Bertone. Qui gli dice di sapere che è Fabrizio, ma l’uomo gli chiede di non rivelargli il segreto. Il giorno dopo Bertone trova Bacchelli morto sulla branda dopo che si è tagliato le vene. Muller convoca la sua spia e cerca di scoraggiarlo dal tenere comportamenti eroici. Dato che Bertone teme di essere accusato dagli altri prigionieri di aver causato la morte di Bacchelli, Muller lo fa picchiare dagli uomini di Franz prima che ritorni in cella. Nella notte il capo delle guardie gli porta una lettera della moglie di della Rovere. Le parole della donna sembrano riaccendere l’orgoglio in Bertone cui nel frattempo viene tolto ogni benefit dalla cella, dal tavolo al materasso.

Olga e Ada, nel frattempo, incontrano Muller davanti al carcere e la donna riesce a farsi ricevere nel suo ufficio. Qui Olga offre il suo corpo in cambio della libertà di Bertone. Il Colonnello rifiuta, ma promette di essere benevolo con lei. In carcere poi viene fatta una lista di prigionieri da fucilare per una rappresaglia. Muller fa chiamare Bertone chiedendogli di parlare se non vuole finire davanti al plotone, ma l’uomo sembra intenzionato a non cedere. Il Colonello prova a convincerlo facendogli incontrare Olga e Ada che lo supplicano di parlare, così da poter scappare insieme in Svizzera. Bertone risponde però di non sapere chi sia Fabrizio. Muller lo spedisce quindi tra i prigionieri condannati a morte, dicendogli che avrà fino all’ultimo la possibilità di collaborare. Bertone torna in cella, indossa la divisa che la moglie di della Rovere ha spedito al marito e si unisce agli altri prigionieri e qui incontra il comandante Fabrizio che elogia il suo comportamento.



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >