BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

COMIZI D'AMORE/ Santoro: "Mezzo di milioni di contatti sul sito, è già successo"

Pubblicazione:

Foto Ansa  Foto Ansa

Michele Santoro esulta: i numeri sembrano dargli ragione. Secondo il conduttore della nuova trasmissione Comizi d'amore, sarebbero mezzo milione i contatti registrati in 48 ore dal sito del programma, serviziopubblico.it e 200mila i visitato unici. Una risposta di pubblico travolgente, l'ha definita il giornalista e conduttore televisivo. Grande anticipazione dunque in vista dell'esordio del nuovo programma che idealmente sostituisce Annozero dal prossimo 3 novembre. Anche la sottoscrizione lanciata per pagare le spese della trasmissione avrebbe ricevuto consensi positivi: sono infatti stati raccolti circa 200mila euro, solo tramite il canale paypal calcolando che vengono chiesti 10 euro a testa si tratta di ventimila donazioni. "Chiediamo a tutti 10 euro, una sorta di piccolo canone che però in questo caso si paga volentieri per vedere in onda il proprio programma preferito e non vedere cose che non c'entrano niente con i nostri bisogni e i nostri desideri. Di sicuro apriremo una crepa molto profonda nel sistema televisivo" dice al proposito Michele Santoro. Sul sito serviziopubblico.it appare oggi una intervista condotta da Stefano Corradino, direttore di Articolo 21, in cui tra le altre cose si parla ovviamente di Silvio Berlusconi. Il presidente del consiglio, dice Santoro avrebbe un tal potere politico ed economico da inventarsi qualunque tipo di sgambetto. Ma non teme per la sua trasmissione: "Eventuali tiri mancini sono destinati a non avere successo soprattutto perché noi non ci piegheremo e anzi, ogni volta, rilanceremo la nostra battaglia con ancora più decisione. Dal 3 novembre non spegneremo per nessuna ragione le nostre telecamere e se qualcuno ci dovesse provare in qualche modo le terremo comunque accese". A proposito die suoi collaboratori, Santoro conferma Travaglio, Vauro e Giulia Innocenzi, sperando che Sandro Ruotolo torni con loro, adesso che è passato a condurre un programma tutto suo. E' normale che i giornalisti cambino, dice, la televisione è piena di persone cresciute con Annozero: "Naturalmente ci sono trasmissioni di cui si è più fieri e contenti di vederle in onda, come quella di Iacona". 



  PAG. SUCC. >