BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NIENTE DA DICHIARARE?/ Una pesante eredità uccide il film sulle “guerre” da commedia

Pubblicazione:

Una scena del film Niente da dichiarare?  Una scena del film Niente da dichiarare?

Giù al nord (titolo italiano di Bienvenues chez les Ch’tis), la matrice da cui Luca Miniero, Claudio Bisio e Alessandro Siani hanno tratto Benvenuti al sud e relativo, imminente seguito, è stato il film francese più visto di sempre, in patria e nel mondo, con 120 milioni di euro solo dal mercato casalingo. Eredità pesantissima da raccogliere per il regista e interprete Dany Boon, che ad anni di distanza ripropone un canovaccio simile nel suo nuovo film, Niente da dichiarare?. Ma questa volta l’operazione non dà i frutti desiderati.

Il film è ambientato tra il 1992 e il 1993, quando l’entrata in vigore dell’Europa unita eliminerà le dogane fisse: è un momento di crisi per i due doganieri Ruben, belga aggressivo e razzista verso i dirimpettai francesi, e Mathias, francese e innamorato segretamente della sorella di Ruben. Per cercare di risolvere la situazione e rendere accettabile il matrimonio, Mathias decide di fare coppia col rivale nella sperimentazione della dogana mobile. Con tutte le difficoltà rocambolesche del caso.

Film comico, commedia sentimentale, thriller all’acqua di rose, ma soprattutto satira del razzismo interno (un remake italiano potrebbe riguardare la Lega e la secessione padana, per intenderci) che la sceneggiatura del regista sembra trasportare in un clima da cinema anni ‘50, fuori tempo massimo e poco efficace. Infatti, tutta la pellicola si basa su una rivalità da barzelletta tra la compostezza e la bonarietà del francese e l’irruenta arroganza mista a goffo razzismo del belga (non è difficile capire per chi tifi il regista e autore), tratteggiata in maniera così netta, rozza e ridanciana da non poter essere mai presa sul serio come riflessione sulle mini guerre civili, spesso fatte di becere parole, di cui ogni cultura e nazione si ciba dalla notte dei tempi e che nessuna unità politica potrà arginare.

Boon crede in ciò che dice e vorrebbe ci credesse anche lo spettatore, dando alla commedia una patina “noir” con rarissimi momenti di durezza; ma non colpisce mai nel segno, sia perché i lati oscuri vengono smorzati immediatamente nella farsa o nell’oblio (incredibile che la mania di Ruben di sparare agli “stranieri” venga sanzionata al massimo con bonarie occhiate di reprimenda), sia perché il lato comico è grossolano e stantio.



  PAG. SUCC. >