BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IN MEZZ'ORA/ Lucia Annunziata e il punto di vista "differente" sulle violenze romane

Pubblicazione:

Immagine d'archivio  Immagine d'archivio

Il responsabile della comunicazione del PD, Orfini, ammette che nella politica del lavoro del PD siano stati compiuti errori di valutazione, ma nega una frattura con la dirigenza, come suggeisce la presentatrice. Infatti, afferma che quelli che stanno parlando sono parte della dirigenza e che, semplicemente, vi è una discussione in atto. Afferma, inoltre che il punto di partenza tra il PD e il movimento è sostanzialmente lo stesso; diverse sono le ricette adottate per affrontarlo. 
L'Annunziata allora domanda ai manifestanti cosa pensano di fare dopo la giornata di ieri. Risponde Simona Panzino che ricorda che il movimento non sarà colpito dalla disgregazione che si è compiuta durante la manifestazione, si continuerà a lavorare per la gente, cercando di rispondere alle esigenze delle persone, elemento da cui parte l'occupazione stessa dell'ex cinema Palazzo che rischiava di divenire un casinò. Ancora una volta prende la parola Raparelli che afferma che si continuerà a fare ciò che è già in programma come lo sciopero dei meccanici Fiat, le manifestazioni studentesche e tutti gli eventi previsti per l'autunno. L'ultima domanda dell'Annunziata è "E se fosse caduto il governo, come sarebbe andata la Manifestazione?" Senza esitazione Raparelli afferma che sarebbe stata una grande festa. 
La trasmissione si chiude come si era aperta con le immagini più drammatiche della manifestazione di ieri, quelle che nessuno avrebbe voluto vedere.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.