BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

UN GIORNO IN PRETURA/ Il caso dell'omicidio di Diouf Cheikh

Pubblicazione:

Immagine: Fotolia  Immagine: Fotolia

La difesa scava nella vita del Morra: era stato adottato all'età di 18 mesi ed era stato educato da un padre molto rigido. Poco prima dei fatti la sua vita era stata sconvolta da diversi episodi, tra cui la morte del fratellastro per droga, un trasferimento che lo aveva costretto a svolgere esclusivamente lavoro di ufficio, il suicidio di un nipote, e la perdita di circa 250.000 euro. La perizia psichiatrica indica un disturbo di personalità, per cui era parzialmente incapace di intendere e volere. Il pubblico Ministero chiede una condanna per omicidio volontario a 14 anni e 6 in casa di cura. La Difesa chiede le attenuanti generiche. La sentenza lo condanna a 10 anni con 3 in casa di cura, poi in Appello ridotti a 6 di reclusione di cui 3 in casa di cura.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.