BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DRIVE/ Un film dove il romanticismo diventa motore dell’azione

Pubblicazione:

Una scena del film Drive (Foto Ansa)  Una scena del film Drive (Foto Ansa)

Il resto del lavoro lo fa poi un cast ben diretto, su cui primeggia la giovanissima Carey Mulligan e Bryan Cranston che, dopo la grandiosa performance nella serie tv “Breaking bad”, comincia a prendersi la sua rivincita nel mondo del cinema. Ron Perlman ci offre poi un personaggio che si fa notare per l’originalità nella scrittura. Dell’ultima pellicola del regista danese Nicolas Winding Refn potrei dire molte cose e tutte interessanti. Alcune le ho già dette, ma mi piacerebbe mettere in evidenza la vera anima della pellicola. Drive cos’è in fondo se non un film romantico? Forse, mi azzardo, uno dei film romantici più originale, spiazzante e commuovente della storia del cinema.

Non serve mascherarlo, perché la matrice romantica è lì, ed è al centro della storia, motore che porta avanti tutta la vita dell’anonimo protagonista. Ce lo mostra chiaramente una sequenza (forse la più bella dell’intero film) in cui il protagonista si ritrova in ascensore con Irene e un killer intenzionato a ucciderlo. Nello spazio di un bacio inaspettato, pulsante, vero, si consuma l’attimo infinito dell’amore tra due animali chiusi in gabbia. E quando il bacio finisce e cominciano i pugni e poi i calci fino a distruggere completamente il volto dell’assassino, l’amore non cambia, perché quello è l’amore.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.