BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MISTERO/ Dallo Yeti alla morte di Amy Winehouse. Passando per un patto con il diavolo

Pubblicazione:

La terra e il sole nello spazio  La terra e il sole nello spazio

MISTERO - Ieri sera è stata trasmessa una nuova puntata di Mistero, la trasmissione tv ai limiti del "paranormale" dove si indagano fenomeni inspiegabili e si cercano prove di suggestioni popolari. Si è spaziato molto, come al solito, dalle prove dell'esistenza dello Yeti, alla morte di Amy Winehouse, fino ai dischi di Bayen Kana Ula alla collezione esoterica del dottor Proserpio. Un caleidoscopio di Mistero, appunto, e qualche superstizione di troppo.
Il servizio iniziale riguarda lo yeti, il Bigfoot Americano: esiste davvero? Viene proposto un video del 1967 girato da Paul Freeman che mostra una creatura somigliante ad un grosso scimmione. E' il Bigfoot? Oggi grazie a delle nuove tecniche è possibile analizzare l'andatura di questa creatura per scoprire se si tratti di uno strano essere che si muove ruotando le ginocchia o di un buontempone travestito. 
Il secondo servizio riguarda i Walser un popolo che viveva ad altitudini elevate e che nel medioevo si trasferirono sulle alpi italiane. Andrea Bossari ci conduce sul fondo del lago artificiale di Agaro. Immergendosi nelle sue gelide acque, il conduttore ci mostra un suggestivo villaggio sommerso. 
Dopo la parentesi di Real Mistery, il servizio successivo ci parla di simboli esoterici partendo dal quadrato magico il SATOR, un quadrato palindromo (cioè che si può leggere in tutti i sensi) con una scritta latina apparentemente senza senso ma che ricondurrebbe alla scritta Pater Noster celata dai primi cristiani perseguitati. Nella Chiesa di San Giovanni Battista decollato nella bassa padana troviamo altri simboli esoterici oltre ad un frammento di questo quadrato: tra gli altri un occhio onnivedente, simbolo cristiano ma anche massonico. 
Dopo la pubblicità Mistero ci conduce a Torino, città esoterica per eccellenza per visitare una particolare collezione, mai filmata prima. Si tratta della collezione del dottor Aldo Proserpio che comprende numerosi pezzi tra cui un contratto relativo ad un patto con il diavolo fatto da una strega e firmato con il sangue, candelabri da rituale che conservano residui di candele fatte con grasso di bambini morti e la mano imbalsamata di una nobildonna del '500 accusata di essere una strega che sembra avesse particolari poteri. 
Dopo la consueta analisi di Daniel Gullà delle fotografie inviate dagli spettatori, il programma ci introduce nel mondo degli Illuminati, uomini che si dicevano in possesso di strani poteri. In particolare ci vengono proposte le carte di un gioco da tavolo, gli Illuminati appunto, creato nel 1995 da un americano tale Jackson. I file di questo gioco sembrano così interessanti che vi è stato un tentativo di sottrazione per il quale Jackson ha intentato, vincendolo, un procedimento contro il governo americano. Su queste carte sono rappresentati eventi, come l'attentato alle torri gemelle e lo tsunami che ha colpito le centrali nucleari giapponesi, che sarebbero accaduti anni dopo. 
Il servizio successivo si occupa della maledizione che ha colpito rockstar del calibro di Jimi Hendrix, Janis Joplin, Jim Morrison e, ultima in ordine di tempo. Amy Jean Winehouse accomunati dall'età in cui sono morti, 27 anni, e dalla presenza della lettera j nel nome. Uno scrittore che si è interessato di queste strane coincidenze ci svela di come queste morti possano essere frutto di complotti tesi a eliminare personaggi scomodi, icone di una gioventù sovversiva, o più semplicemente che 27 anni possono essere una bella età per morire nel pieno della giovinezza e divenire i favoriti degli dei. 
A questo servizio segue il consueto appuntamento di Pablo Ayo con le presunte visioni di extraterrestri.
Dopo di che Mistero ci porta nella Londra del 1888, sulla scena del quarto delitto di Jack lo squartatore. Cosa c'è veramente dietro questi orrendi delitti? Sulla parete vicina al cadavere della quarta vittima compare un'inquietante scritta sui giudei che viene prontamente fatta cancellare. Questo può far supporre una pista massonica. L'ipotesi si basa sull'omicidio di un architetto appartenente alla massoneria che non aveva voluto svelare i suoi segreti a tre apprendisti, dai nomi che richiamavano appunto la parola giudei, sgozzato alla stregua delle vittime del famoso serial killer. 
Dopo il racconto delle terribili gesta delle bestie di satana, una setta che sul finire degli anni '90 si macchiò di diversi delitti, viene introdotto un lungo servizio su Vissarion, un uomo russo che si proclama Gesù. Si tratta di un ex poliziotto che, in concomitanza con la caduta del muro di Berlino e del comunismo, ha cambiato totalmente la sua vita. Facendosi crescere barba e capelli ha assunto le sembianze di Gesù e ha iniziato a predicare uno stile di vita che ricorda il cristianesimo ortodosso e il buddismo. Ai suoi seguaci, circa 50000 in tutto il mondo, il presunto Messia impone uno stile di vita molto rigido e riti che ricordano quelli dei monaci nei monasteri. Dal luogo dove vive, in Siberia, predica valori a tutela della natura con un carisma davvero molto forte.



  PAG. SUCC. >