BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

STRISCIA LA NOTIZIA/ Gli abusi verso l'ASL alle terme e il pericolo crolli a Cassino

Pubblicazione:

Striscia La Notizia  Striscia La Notizia

STRISCIA LA NOTIZIA - Stasera 19 ottobre è andata in onda una nuova puntata del tg satirico più seguito dagli Italiani: "Striscia la notizia: la voce della contingenza". I temi più scottanti trattati stasera sono stati: abusi da parte di molte persone nel Salernitano nei confronti dell'ASL per delle cure termali "anomale" , poi Capitan Ventosa ha dato voce ad una famiglia di Cassino che ha perso la propria casa per colpa di una frana ed infine Staffelli ha continuato con la sua inchiesta iniziata ieri riguardanti i prodotti alimentari contraffatti venduti come originali. Come tutte le sere Ezio Greggio intrattiene il pubblico in sala e quello televisivo grazie alle sue battute comiche e satiriche riguardanti le problematiche della vita quotidiana sulla politica italiana e in particolare su Berlusconi ed i tafferugli di sabato scorso avvenuti a Roma. Segue un altro sketch questa volta diretto da Enzino Iacchetti in compagnia di due uomini travestiti da Cosima e Sabrina Misseri che ha suscitato tantissime risate del pubblico. 
La puntata è iniziata con lo stacchetto delle due veline, le carline, Federica e Costanza che hanno danzato sulle note della canzone delle gemelle Kessler, "La notte è piccola". Greggio introduce le interviste di Angelino Alfano imitato magnificamente da Dario Ballantini, che all'uscita del Parlamento ferma i deputati di entrambi gli schieramenti sia destra che sinistra riguardo i temi attuali della politica italiana e le varie contraddizioni. In seguito Iacchetti invia il primo servizio della serata condotto da Capitan Ventosa che ha intervistato una famiglia di Cassino. La signora Maria ha la casa semi - distrutta a causa di una frana avvenuta parecchi anni fa e che ha reso inagibile il terreno ma il Comune non risponde alle esigenze dei cittadini ne ha disposto dei contributi economici per rimodernare e mettere in sicurezza la zona. La donna e tutta la sua famiglia è costretta ad abbandonare la sua dimora perchè ormai inabitabile per le numerose crepe e deve al più presto trovare un'altra abitazione in attesa che il Comune si decida a muoversi. L'inviato di Striscia, Mister Euro si trova a Ronchi in provincia di Massa, per segnalare l'aumento della mensa della scuola da 4 euro fino a 8 euro per il pranzo dei bambini e chiedono all'assessore di essere ascoltate ma non riescono. Allora Mister Euro chiede risposte al sindaco di Massa, il signore Pucci che promette di risolvere il problema in breve tempo. Iacchetti introduce il servizio di Luca Abete che si è recato a Contursi Terme, un paesino in provincia di Salerno dove molte persone sono furbette ovvero con una sola impegnativa del medico di base e quindi mediante il pagamento di un solo ticket, queste possono usufruire delle cure dei centri termali a carico dell'asl del luog. Inoltre queste prestazioni possono essere usufruite da parenti ed amici e non solo dall'intestitario della ricetta. Gli inviati di Striscia sono mal accolti in ognuna di queste strutture termali e addirittura il direttore di un'altra struttura nega tutto. Nello scandalo sono coinvolti anche i medici che lavorano nel centro termale e i receptionist che accolgono i clienti, tutti svolgono questo "furbo lavoro" per derubare la Sanità Nazionale. Arriva Mia , la cagnolina di Iacchetti che la coccola e la addestra durante la trasmissione. Brumotti si trova ad Arquà Petrarca dove mostra la casa del famoso poeta insieme al vice presidente del FAI, ente italiano della salvaguardia dell'ambiente e dei monumenti del nostro paese. Ritorna in onda il servizio di Staffelli già visto ieri sui prodotti alimentari taroccati, viene richiamato dal signore Raffaele che afferma di aver licenziato il suo salumiere Massimo ed ha querelato Staffelli per calunnia. La redazione di Striscia è venuta in possesso di un video dove il proprietario rassicura Massimo che verrà riassunto appena la storia verrà chiarita ma questi contatta Staffelli per dire la sua cioè che quello che lui faceva ovvero vendere un prodotto contraffatto per originale o addirittura scaduti era stato imposto dal signore Raffaele già dai primi giorni della sua assunzione. Staffelli ritorna qualche giorno dopo nello stesso supermercato per controllare la bresaola e come sempre risulta un prodotto contraffatto.



  PAG. SUCC. >