BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

X FACTOR 5/ Ventura: ho a cuore la qualità non gli ascolti. Morgan, combattivo: ora c’è intesa ma toglieremo le maschere

Pubblicazione:

Morgan (Foto Ansa)  Morgan (Foto Ansa)

X FACTOR 5 - Giovedì 20 ottobre inizia la quinta edizione di X Factor che dopo aver subito una battuta d’arresto, per non dire “flop”, nella sua scorsa avventura televisiva di casa Rai, si presta ad essere rilanciato a tutto campo dalle emittenti a pagamento di Sky. La novità più rilevante, secondo il parere di Lorenzo Mieli, amministratore delegato di FremantleMedia Italia (società produttrice del format ndr), è paradossalmente proprio un ritorno alle origini: un’adesione maggiore al format britannico. A detta dei produttori e della giuria di eccezione di quest’anno (Simona Ventura, Morgan, Elio e Arisa) il trasferimento del famoso programma su una rete a pagamento avrebbe il pregio di liberare tutti dall’ansia da prestazione, Simona Ventura dice di non essere minimamente preoccupata per gli ascolti “l’unica cosa che ho a cuore è la qualità del programma”, e anzi spiega che i conti devono essere fatti alla fine: “il programma avrà tutto il tempo necessario per crescere”.
Dello stesso avviso anche i dirigenti Sky presenti in sala che di fronte alle domande dei giornalisti puntualizzano l’errata premessa di un confronto tout court con la tv free: “hanno scopi diversi e obiettivi diversi, è come paragonare le mele con le pere”. Quello che conta per la Pay-Tv non sono i grandi numeri, ma la fedeltà dei loro abbonati, fedeltà conquistata fornendo un prodotto che possa soddisfare le loro passioni particolari e in modo professionale e competente: “la tv generalista deve accontentare tutti, noi no”. Per questo, affermano i produttori, siamo potuti “tornare” all’idea originale di 12 puntate prime time e mostrare nelle prime quattro la fase delle audizioni e dei provini che nelle precedenti edizioni era stata ridotta praticamente all’osso.
Le premesse per un rilancio in grande stile ci sono dunque tutte, ma non si fermano ai soli contenuti, anche la tecnologia sembrerà apportare un contributo decisivo all’edizione di quest’anno: X Factor verrà infatti trasmesso per la prima volta in alta definizione e avrà un’amplissima copertura tv, radio e web e attraverso la nuova applicazione di Sky Go sarà possibile seguire il programma perfino sul proprio smart phone. Morgan ci rivela anche la particolare attenzione e cura che si ha avuto nel curare le riprese del programma parlando di occhio “cinematografico” mentre la Ventura annuncia che l’ultima puntata verrà trasmessa in 3-D.
Ilaria Dallatana, assessore delegato di Magnolia (coproduttrice del format ndr) fa comunque presente che il ritorno all’origine non si tradurrà conseguentemente in uno stile british, “noi siamo italiani e abbiamo uno stile nostro che è inconfondibile, a noi piace parlare e tanto, il programma sarà sì un po’ più asciutto ma senza esagerare”. Fra le novità di quest’anno è interessante anche il meccanismo del televoto, sarà infatti possibile esprimere per la prima volta la propria preferenza tramite i social network di Facebook e Twitter, inoltre le più tradizionali telefonate o sms saranno completamente gratuiti. L’ultima innovazione, ma non per importanza, riguarda il dopo serata, in cui avrà luogo Xtra Factor, la trasmissione dai toni ironici e dissacranti dove si commenteranno a caldo le impressioni e le decisioni dei giudici grazie alla conduzione di Brenda Lodigiani e Max Novaresi.



  PAG. SUCC. >