BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

C'E' POSTA PER TE/ Gerry Scotti, una icona capace di ricomporre una coppia

Pubblicazione:

Gerry Scotti oggi ospite a C'è posta per te  Gerry Scotti oggi ospite a C'è posta per te

C'E' POSTA PER TE: OSPITE GERRY SCOTTI - C'è anche Gerry Scotti ospite questa sera a C'è posta per te. Protagonista della storia in cui Gerry è coinvolto è Marcello, il quale vuole chiedere perdono alla moglie perché ritiene di non essere un buon marito ed un buon padre. Marcello, infatti, è dovuto andare a lavorare a Parigi, da suo cognato, dove fa il lavapiatti per uno stipendio di 1000 euro al mese. Un tempo Marcello aveva un lavoro a Poggibonsi e con gli straordinari guadagnava 2700 euro al mese. Poi un giorno cadde mentre lavorava in cantiere e si ruppe braccia e gambe senza avere un'assicurazione. Così, non potendo più pagare l'affitto, era tornato a Napoli ed aveva trovato un lavoro da 1600 euro al mese. Nel 2009 pensò però di chiedere un altro finanziamento per aprire un negozio di abbigliamento per bambini.
Il negozio sembrava andare abbastanza bene, finché 5 mesi dopo arrivarono i ladri in negozio, rubarono tutto e lui si ritrovò pieno di debiti. Così fu costretto a vendere tutto quello che aveva in casa, anche le fedi. Partito per Parigi, ora pensa sempre alla sua famiglia che è lontana. La posta è per la moglie, che accetta l'invito ed è accolta in studio tra gli applausi. Marcello le dice di sentirsi un po' come un bambino, perché la vita è grande di fronte a loro. Dice di aver cercato sempre di non far mancare niente alla sua famiglia, ma non c'è riuscito ed è stato costretto ad andare via. Maria legge la lettera che lui ha voluto scrivere alla moglie. In questa Marcello dice che un padre è colui che deve fare in modo che la sua famiglia si senta protetta. Un buon padre è colui che veglia sui suoi figli, con a fianco la sua compagna. Marcello scrive inoltre alla moglie di sentirsi come un ragazzino in cerca di fortuna lontano da casa, perché è andato via per garantire alla sua famiglia le cose che servono, le più essenziali, come il pane. Normalità è quanto avrebbe voluto per la sua famiglia, ma non aveva capito che la normalità deve essere una conquista.
Ha sempre avuto voglia di fare, Marcello, seguendo l'insegnamento di suo padre, che si è sempre dato da fare. Eppure sono stati costretti a cambiare casa continuamente, da Napoli a Poggibonsi. Sperava, Marcello, ma le cose che ha sperato non sono mai accadute. Il negozio rappresentava il sogno dell'indipendenza, il sogno di avere un lavoro non in nero. Ma quella notte il sogno si è infranto insieme alla vetrina rotta dai ladri. Ora sono costretti a vivere di mancanze e di telefonate. Stasera dunque, Marcello vuole soltanto chiedere scusa a sua moglie e vuole prometterle che non succederà più quello che è accaduto. E intanto entra Gerry Scotti che va dalla donna e si siede vicino a lei. "Io che c'entro in tutto questo?", dice il presentatore.
Marcello gli risponde che loro lo ritengono un grande e per questo lui ha deciso di chiamarlo. Gerry, da parte sua, dice che la lettera era bellissima e piena di umiltà.
La donna intanto per l'emozione non smette di piangere. Alla fine, la frase più bella che Marcello ha detto è "ti amo". Gerry consiglia alla coppia di smetterla di mischiare la fortuna o la sfortuna con la speranza, perché quest'ultima è l'unica cosa che bisogna sempre avere, almeno per riuscire ad ottenere quanto di normale si chiede alla vita. Gerry fa anche un appello ai ristoratori di Napoli, affinché qualcuno possa prendere Marcello a lavorare come cameriere. Con un lavoro a Napoli, infatti, egli avrebbe modo di tornare da Parigi. Il presentatore ha portato anche due biciclette da regalare ai loro due bambini, mentre per il più piccolo di quattro anni ha preparato un pacchetto regalo.
Ma la cosa più importante che Gerry ha portato con sé questa sera è contenuto in una borsa a forma di casa che contiene al suo interno una zucca. Restando in tema di Halloween, Gerry dice che la strega bionda, che sarebbe Maria, ha portato qualcosa di bello. Dentro la zucca infatti c'è qualcosa di consistente, un pensiero da parte del presentatore per questa famiglia in difficoltà. Gerry è rimasto colpito dalla frase detta dal figlio più piccolo a Marcello per telefono cioè "papà mangio tanto, così ti aiuto" e si commuove perché dice che lui, da grande, suo padre non poté aiutarlo.
Ma dopo aver parlato tanto, dice Gerry, la cosa importante davvero è che il suo aiuto concreto potrà forse aiutarli a risolvere tanti problemi pratici. Perché ciò sia possibile, però, entrambi dovranno avere sul volto non più le lacrime, bensì il sorriso. Marcello dice ancora alla moglie di volerle bene, anche se sostiene con convinzione di non essere un buon marito e tanto meno un buon padre perché li ha lasciati da soli, anche se costretto dalla necessità. La moglie ovviamente non esita ad aprire la busta e corre ad abbracciarlo. 



  PAG. SUCC. >