BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DISTRETTO DI POLIZIA 11/ Andrea Renzi: sarò un commissario autorevole e dal passato misterioso… (esclusiva)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Andrea Renzi è il nuovo commissario di Distretto di polizia 11 (Foto Ansa)  Andrea Renzi è il nuovo commissario di Distretto di polizia 11 (Foto Ansa)

Distretto di Polizia 11. Riparte domenica 9 ottobre la nuova stagione di Distretto di Polizia 11” con tante novità. A iniziare dal nuovo protagonista Andrea Renzi, attore e regista teatrale che interpreterà la parte di Leonardo Brandi, il nuovo commissario del X Tuscolano, il commissariato di Roma dove sono ambientate le vicende del Distretto. Renzi (classe 1963) ha debuttato in teatro a quattordici anni, diretto da Mario Martone. Nel 1984 ha vinto il premio “Opera Prima” con il monologo “Sangue e Arena”. Quindi ha iniziato a lavorare come regista teatrale. Contemporaneamente ha iniziato a lavorare come attore televisivo e cinematografico. Per il cinema ha tra l’altro recitato ne “L’uomo in più” (2001), regia di Paolo Sorrentino, “Le fate ignoranti” (2001) di Ferzan Ozpetek, “Quo vadis, baby?” (2005) di Gabriele Salvatores. Ancora, “La guerra di Mario” (2005) di Antonio Capuano, “L’estate del mio primo bacio” di  Carlo Virzì (2006). Tra le fiction tv, da segnalare la sua presenza in “Caccia segreta” (2007) di Massimo Spano, in cui era protagonista assieme a Stefano Dionisi. Ora, al debutto in Distretto di polizia 11, lo abbiamo sentito in esclusiva per ilsussidiario.net.

Chi è Andrea Renzi, la new entry più importante di Distretto di polizia 11

Sono un attore che ha nel cuore il teatro, con una passione infinita per il cinema. Ho cominciato presto a quattordici anni in teatro con la “Prima Compagnia Teatrale” con Mario Martone. Ho lavorato molto proprio in teatro. Al cinema con registi come Capuano, Ozpetek, Salvatores, Virzì. Ora eccomi qua in questa fiction che raggiunge da tempo tanto successo tra il pubblico italiano.

Ci descriva il personaggio che interpreta. Com’è rispetto ai commissari che l’hanno preceduta?


Un personaggio veramente particolare, che viene a condurre il X Tuscolano, con alle spalle un’esperienza insolita. Era infiltrato in un’organizzazione criminale in Germania. Ora si trova a rivestire un ruolo professionale del tutto nuovo per lui. E’ un commissario quasi all’antica, ossessionato dal lavoro, con una storia sentimentale difficile. Un commissario che crede nell’aspetto formale, nell’autorità. Ai suoi colleghi dà sempre del lei. Nel X Tuscolano la sua personalità spicca in tutti i sensi.

Come si trova nel nuovo personaggio?




  PAG. SUCC. >